Venezia, la Lega: “Brunetta ha perso per colpa sua”

Pubblicato il 31 Marzo 2010 19:27 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2010 19:27

Brunetta fa il segno di vittoria...

“Brunetta? E’ stato vittima di se stesso, ed è quantomeno una caduta di stile ingenerosa addebitare la sua sconfitta alla Lega”. È stato questo il commento del capogruppo uscente al Consiglio comunale di Venezia, Alberto Mazzonetto.

Di diversa opinione, invece, il candidato sindaco di Venezia per il centrodestra che aveva ammesso la sconfitta attribuendola però anche all’anomalo calo di voti del Carroccio nella città lagunare. “Se il voto ottenuto dalla Lega alle Regionali fosse stato confermato anche al Comune di Venezia avrei vinto al primo turno”, aveva dichiarato.

“Caduta di stile peggiore non poteva avere – ha detto Mazzonetto di Brunetta – è stato ingannato da se stesso, forse avrebbe dovuto avere un po’ più di umiltà”. “I voti di coalizione sono gli stessi di quelli dati a Zaia, solo che Brunetta ha rimescolato le carte e ha sbagliato a costruire la coalizione infilandoci la sua lista. E’ vera ingratitudine quella di prendersela con la Lega”. “Sono stati gli elettori a non riconoscere Brunetta come il candidato giusto ha detto – tanto più in una città dove ci sono 20-30 mila dipendenti pubblici che lui ha apostrofato come ‘fannulloni'”. Secondo il capogruppo leghista, “Venezia non ha creduto a un sindaco che non fosse a tempo pieno”.

Per quanto riguarda il futuro della coalizione di centrodestra a Venezia, Mazzonetto ha ricordato di essere stato “cinque anni da solo”, senza il supporto del Pdl, “fagocitato nel sottobosco governativo di Cacciari, che si è sempre vantato di poter soggiogare l’opposizione”. Eppure con la Lega “non c’è riuscito”. “Penso comunque che il coagulante ci sia – ha concluso – perché siamo alleati, e noi siamo alleati seri”.