Concorsi pubblici, stretta governo: graduatorie a tempo, limite idonei

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Marzo 2015 19:16 | Ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2015 19:16
Concorsi pubblici, stretta governo: graduatorie a tempo, limite idonei

Concorsi pubblici, stretta governo: graduatorie a tempo, limite idonei

ROMA – Concorsi pubblici, il governo prova la stretta e in commissione Affari costituzionali arriva un primo via libera alla parte della delega che cambia le regole di accesso alla Pubblica amministrazione. Come? Con concorsi che prevedano meno idonei e con delle graduatorie a tempo. Primo obiettivo del provvedimento, secondo il ministro Marianna Madia, è mettere un limite al numero di idonei, quelli che finiscono per affollare le liste di attesa. Per farlo, spiega Madia, i concorsi vengono concepiti in modo tale che “il numero degli idonei non possa superare una determinata quota percentuale dei posti messi a concorso”.

Non è l’unica modifica prevista dalla delega. C’è per esempio una norma ad hoc anti assenteismo. LA norma prevede azioni disciplinari, che, nei casi più gravi, arrivano fino al licenziamento. Viene poi costituito un polo unico della medicina fiscale che dà all’Inps competenze e risorse ora utilizzate dalla pubblica amministrazione.

Infine c’è la questione società partecipate. Madia spiega che verranno tagliate drasticamente ma non scende in dettagli: “Non partiamo da un numero, ma ci sarà una drastica riduzione delle partecipate, andremo a vedere che cosa fanno, i bilanci, gli indicatori di risultato, in base a criteri di economicità ed efficienza”.