Regioni, 95 indagati: Sicilia al top, Calabria e Lombardia pari “merito”

Pubblicato il 22 Ottobre 2012 11:00 | Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre 2012 11:01
Assemblea Regionale Sicilia

Assemblea Regionale Sicilia

ROMA – Ben 95 indagati su 1.300 tra consiglieri ed assessori regionali. Il 7% del totale dei componenti di giunte e consigli. Di questi 82 sono indagati e 13 sono stati condannati. Le ipotesi di reato vanno dalla corruzione, concussione e peculato all’abuso di ufficio. Non mancano poi gli indagati per finanziamento illecito e bancarotta fraudolenta.

Se i reati “finanziari” non bastavano, ci sono poi gli indagati per sfruttamento della prostituzione, associazione mafiosa, abusi edilizi, frode, maltrattamenti o turbative d’asta.

La Sicilia si aggiudica il podio, con 20 consiglieri indagati e 6 condannati. Pari “merito” invece Calabria e Lombardia: la prima con 16 indagati tra consiglieri ed assessori, mentre al Pirellone gli indagati sono 14 ed i condannati 2. Nel Lazio invece gli indagati sono “solo” 4. 

Le Regioni virtuose sono solo 4 su 20: Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Marche e Veneto. Tutte le altre “vantano” nei loro consigli regionali almeno un indagato o un condannato.