Giuseppe Conte, parla la prof di matematica: “Al liceo era bello, maturo e piaceva molto alle compagne”

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 Ottobre 2019 9:55 | Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre 2019 9:55
Giuseppe Conte, parla la prof di matematica: "Al liceo era bello, maturo e piaceva molto alle compagne"

Giuseppe Conte in una foto d’archivio Ansa

ROMA – Giuseppe Conte da liceale era “bello, maturo, intelligente e piaceva molto alle ragazze”. A raccontarlo è la sua prof di matematica, Filomena De Nittis. Quella che, a quanto pare, quando il premier frequentava il Liceo Classico Pitero Giannone di San Marco in Lamis (Foggia) non sarebbe riuscita a fargli mai aprire un libro di matematica. Almeno stando a quanto ha dichiarato lui compiaciuto a Skuola.net. Ai microfoni di Un Giorno da Pecora però l’insegnante dice che non ne sapeva nulla.

Anzi, quando Geppi Cucciari e Giorgio Lauro le domandano che tipo di studente fosse Conte nella sua materia, risponde: “Era valido, era maturo, aveva un’intelligenza fervida, me lo ricordo bene, era un ragazzo abbastanza brioso”. Era uno che studiava molto? “Non era un secchione ma era molto intelligente. Magari non studiava molto ma sapeva sempre districarsi nei problemi, rispondeva ai quesiti di matematica prendendo i discorsi un po’ alla larga”.

Com’era il rapporto con gli altri compagni? “Mi ricordo che in classe era benvoluto, sicuramente. E poi ricordo un aneddoto particolare”. Quale? “Per un certo periodo – ha raccontato la prof – mi chiedeva sempre se poteva affacciarsi alla finestra. Io gli chiesi il motivo e mi spiegò che stava venendo a scuola con una moto, e quindi voleva controllare che non gliela rubassero”.

E piaceva alle ragazze? “Si, era una bel ragazzo, piaceva molto alle compagne”. Si sarebbe mai immaginata che diventasse premier? “Non lo avrei mai immaginato, ma nella stessa classe c’erano molti ragazzi validi, un compagno di Conte è diventato giudice, ad esempio”.

Fonte: Un giorno da Pecora, Radio 1