Contratto governo M5s-Lega: mini reddito cittadinanza e mini flat tax nel 2019. Botta secca alla Legge Fornero

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 maggio 2018 14:37 | Ultimo aggiornamento: 11 maggio 2018 20:56
Contratto governo M5s-Lega: mini reddito cittadinanza e mini flat tax nel 2019. Botta secca alla Legge Fornero

Contratto governo M5s-Lega: mini reddito cittadinanza e mini flat tax nel 2019. Botta secca alla Legge Fornero

ROMA – Reddito di cittadinanza e flat tax, ovvero sussidio a chi non lavora e aliquota unica fiscale, bandiera e slogan rispettivamente di M5S e Lega: il contratto di governo che Di Maio e Salvini si accingono a sottoscrivere prevede la loro introduzione certa a partire dal 2019. Ma in forma ridotta, depotenziata. Mini.
[App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz – Apps on Google Play]

Del resto sono ancora promesse elettorali forti, quasi simmetriche e alternative, per finanziarle servirebbero più risorse di quelle disponibili, e allora dov’è il punto di compromesso per non deludere gli elettorati di riferimento senza far saltare i conti pubblici? Attraverso un sostanziale ridimensionamento delle due misure.

Anche perché nel contratto è prevista una botta secca alla riforma Fornero, unico vero collante programmatico fra i due partiti, una botta che vale però tra i 5 e gli 8 miliardi a seconda della rimodulazione scelta.

Il Sole 24 Ore stima in una trentina di miliardi di euro l’entità della prossima manovra di cui 12,4 impegnati per la sterilizzazione delle clausole di salvaguardia e scongiurare l’aumento dell’Iva.

Mini reddito di cittadinanza. Nella versione hard, per i 5 Stelle vale 15 miliardi, per l’Istat il doppio: un mini reddito di cittadinanza differito al 2019, sul modello del reddito di autonomia lombardo, con budget non superiore ai 2 mld, lancerebbe invece il segnale e avvierebbe una sperimentazione e una discussione su risorse, platea, criteri, gradualità ecc…

Mini flat tax. Anche qui il ridimensionamento si imponeva soprattutto per le riserve nella componente più sensibile ai temi di sinistra nei 5 Stelle preoccupati della mancanza di progressività fiscale. Per questo il compromesso è stato raggiunto su una versione più morbida della flat tax: due aliquote e quattro scaglioni per le deduzioni, tante, in modo da non penalizzare troppo i redditi più bassi.

I due partiti puntano soprattutto a intervenire sulle tax expenditures con un’operazione vicina ai 10 miliardi (forse anche 15), innescata dalla flat tax e finalizzata anche a eliminare i bonus sugli interventi dannosi per l’ambiente. In ogni caso la dote per la manovra sarebbe insufficiente. Di qui la necessità di azionare al leva del deficit. (Marco Rogari, Il Sole 24 Ore)