Bastia Umbra, la convention di Fli. Segui la diretta su Blitz Quotidiano

Pubblicato il 7 Novembre 2010 12:30 | Ultimo aggiornamento: 7 Novembre 2010 14:45

Gianfranco Fini

Inviterà Berlusconi a dimettersi? Gli chiederà di allargare la maggioranza di governo all’Udc? C’è grande attesa per il discorso che Gianfranco Fini terrà a Bastia Umbra nella seconda giornata della convention di Futuro e Libertà.

Segui la diretta live su Blitz Quotidiano.

14.15: L’esecuzione dell’Inno di Mameli ha concluso l’intervento di Gianfranco Fini alla Convention di Futuro e Liberta’. A fine intervento, Fini ha fatto un piccolo sbuffo, come per allentare la tensione.

14.11: ‘Il Pdl da grande partito nazionale che doveva essere, e’ diventato la copia sbiadita della Lega”.Lo dice Gianfranco Fini, parlando alla convention di Fli.

14.10: ”Il Pdl da grande partito nazionale che doveva essere, e’ diventato la copia sbiadita della Lega”.Lo dice Gianfranco Fini, parlando alla convention di Fli.

14.08: Se Berlusconi salira’ al Colle, ”se avra’ questo coraggio sarebbe davvero una bella svolta del predellino se invece prevarra’ l’atteggiamento autoconsolatorio quanto fasullo di dire va tutto bene, allora Ronchi, Urso, Menia e Bonfiglio non rimarranno un minuto in più in quel governo”. Lo afferma Gianfranco Fini alla convention di Fli a Bastia Umbra.

14.00: ”E’ impensabile che l’Udc arrivi gaudente e dica: ‘Anche noi sosteniano il governo’. E’ una logica che non appartiene alla politica, una logica che appartiene all’attivita’ mercantile”. Lo afferma Gianfranco Fini a Perugia,. ”Berlusconi ha fatto un appello ai moderati. E i moderati si ritrovano in particolare in un soggetto politico. Berlusconi non e’ un ingenuo. Non c’e’ possibilita’ di un patto – aggiunge – di una nuova agenda, un nuovo programma” se prima ”Berlusconi non mostra coraggio politico: deve essere lui a prendere la decisione di rassegnare le dimissioni, salire al Colle, aprire la crisi e avviare una fase in cui si discuta l’agenda, il programma, si verifichi la natura della coalizione, la composizione del governo”.

13.59: ‘Avanti cosi’ non si puo’ piu’ andare. Berlusconi ha l’onore e l’onere di dire se vuole aprire una nuova fase discutendo e prendendo atto che ci sono altre opinioni o se vuole ‘tirare a campare per non tirare le cuoia’ come dice Andreotti. Quale che sia la sua decisione la rispetteremo sapendo di avere la coscienza pulita”.

13.58: ”Le nostre responsabilita’ non ci spaventano, diamo ad altri l’onore di dimostrare se ha davvero a cuore l’interesse del Paese o vuole rimanere a Palazzo Chigi in attesa che passi la bufera”. Lo afferma Gianfranco Fini alla Convention di Fini.

13.57: ”Continueremo a votare i provvedimenti che condividiamo”. Lo garantisce Gianfranco Fini parlando alla convention di Fli.

13.55: ”Il problema per noi non e’ il gioco del cerino o chi stacca la spina, perche’ e’ chiaro che se continuiamo con le furbizie e i tatticismi la spina la staccheranno gli italiani che sono stanchi di un governo che non governa”. Lo dice Gianfranco Fini parlando alla convention di Fli. ”Gli italiani sono stanchi di chi intende la stabilita’ come un paracarro. Non c’e’ niente di piu’ stabile e immobile di un paracarro. Ma il Paese ha invece bisogno di istituzioni capaci di rispondere ai problemi reali”. Aggiunge Fini prima di concludere il suo lungo intervento alla convention di Fli.

13.53: ”Berlusconi deve mostrare il coraggio politico che ha gia’ dimostrato. Lui deve dare un colpo d’ala, prendere la decisione di rassegnare le dimissioni, salire al Colle, dichiarare che la crisi e’ aperta di fatto e arrivare a una fase in cui si ridiscuta l’agenda, il programma, si verifichi la natura della coalizione e la composizione del governo”. Lo dice Gianfranco Fini parlando alla convention Fli.

‘Se non ci sara’ un colpo d’ala da parte di Berlusconi e dara’ ascolto ai cattivi consiglieri – continua Fini – e’ evidente che Ronchi, Urso, Menia e Bonfiglio non rimarranno un minuto in piu’ nel governo”.

13.47: ”Se si fa giustamente riferimento al dovere di rispettare il principio sovrano che e’ il popolo ad avere in mano lo scentro, non c’e’ patto di legislatura se non si ha il coraggio di cancellare una legge elettorale che e’ semplicemente una vergogna”: lo ha detto Gianfranco Fini alla convention di Fli.

13.42: ”Bisogna dare una fiscalita’ di vantaggio al meridione che non va contro il nord. Certo se la linea del governo la detta la Lega non credo che i nostri ministri possono dire che serve una inversione di tendenza”. Lo afferma Gianfranco Fini alla convention di Fli. ”Chi viaggia sa che le imprese del nord delocalizzano fuori dai confini nazionali – aggiunge Fini – e non prendono in considerazione di investire al sud. Una fiscalita’ di vantaggio sarebbe utile anche al nord”.

13.39: ”I fondi Fas non possono essere il bancomat a cui Tremonti ricorre quando la Lega glielo chiede per tamponare le emergenze”. Lo afferma Gianfranco Fini alla convention di Fli, spiegando: ”se c’e’ una prova del fatto che il Pdl e’ afono e che la linea gliela la da solo la Lega, quella prova si vede e’ quando Tremomti ha preso i soldi dai fondi Fas per tacitare gli allevatori delle quote latte”.

13.36: ”Con laicita’ positiva cito il Papa che dice ‘la spazzatura non e’ solo nelle strade ma nelle anime e nelle coscienze’. Questo e’ il decadimento che c’e’ e la politica non puo’ lavarsi le mani dicendo che non c’entra. Deve dare l’esempio”. Lo dice Fini alla convention di Fli.

13.35: ”Il patto di legislatura e’ possibile solo se c’e’ una nuova agenda politica e un patto di governo da qui al 2013”: lo ha detto Gianfranco Fini alla convention di Fli rispondendo alla proposta di Gianfranco Fini per un patto di legislatura per il quale, ha spiegato, ”in termini giornalistici serve un colpo d’ala”.

13.34: ”Ho rimpianto, e credo che anche gli italiani lo abbiamo, del rigore, dello stile, del comportamento come Moro, Berlinguer, Almirante, La Malfa: la prima Repubblica era anche in queste personalita’ che non si sarebbero mai permesse di trovare ridicole giustificazioni a cio’ che non puo’ essere giustificato”. Lo dice Gianfranco Fini parlando alla conferenza di Fli e scatta la standing ovation della platea, anche perche’ viene nominato il leader missino Giorgio Almirante.

13.23: ”Si devono mettere in campo politiche di ripresa. Non si puo’ liquidare tutto parlando di assurde congiure o che c’e’ il governo del fare. Mi sembra che a volte questo governo del fare sia il governo del fare finta che tutto vada bene senza tenere conto dei problemi della societa”’. Lo afferma Gianfranco Fini, nel coso del suo intervento alla convention di Fli.

13.19: ”Per troppo tempo si e’ sottovalutato quel pericolo strisciante che e’ il motore della Lega Nord: alla Lega non interessa nulla di quello che accade dal fiume Po’ in giu”’. Lo ha detto Gianfranco Fini dal palco durante la convention nazionale di Fli.

13.18: Il Pdl al Nord rappresenta la ”copia sbiadita” della Lega. Lo ha affermato Gianfranco Fini parlando alla convention di Fli. Il presidente della Camera ha tra l’altro detto che al Carroccio non interessa tutto quello che accade al sud del Po.

13.15: ”A Tremonti contestiamo che la politica dei tagli lineari e’ quella migliore per non scegliere. Si toglie qualcosa a tutti, ma non si decide su cosa investire, rilanciare. Mentre il governo ha segnato un punto a suo favore nella politica del contenimento del debito pubblico”. Lo ha detto Gianfranco Fini dal palco durante la convention nazionale di Fli.

13.15: ”Il governo in questa fase sta galleggiando, tampona le emergenze ma ha perso di vista la rotta. Non ha quel progetto essenziale per costruire l’Italia di domani, vive alla giornata. Ci sono pero’ delle priorita’ che devono essere inserite nell’agenda di governo”. Lo afferma Gianfranco Fini nel corso del suo intervento alla convention di Futuro e Liberta’.

13.10: ”Meglio leggere alcuni che dicono anche cose non condivisibili, che ascoltare alcuni Tg che leggono veline, non nel senso di signorine che fanno Tv, ma di fogli di altri tempi che condizionano l’informazione”. Lo dice Gianfranco Fini parlando alla convention di Fli.

13.09: ”L’Italia non e’ il Paese dei balocchi che dipinge Silvio Berlusconi, lo ha fatto qualche giorno fa anche nel corso della riunione della direzione nazionale del Pdl”. Lo afferma Gianfranco Fini, nel corso del suo intervento alla convention di Futuro e Liberta’.

13.08: ”Accettiamo la sfida, abbiamo il dovere, oltre che il coraggio, di andare oltre cio’ che e’ stato finora il Pdl, ma avra’ tempo per ricredersi, se e’ intellettualmente onesto, chi pensa che staremo di qua o di la’ pur di essere determinanti”. Lo afferma Gianfranco Fini dal palco della convention di Fli.

13-05: ”Fli non sara’ mai subalterna ad una cultura politica della sinistra che rispettiamo ma che non ci puo’ insegnare assolutamente nulla. E’ risibile che con il travaglio che c’e’ nella sinistra ci sia ancora chi dica che ci sono i comunisti. C’e’ qualcosa di piu’ complesso. Se Berlusconi ha necessita’ di argomenti dialettici ne trovi qualcun altro”, di Gianfranco Fini intervenendo alla Convention di Fli.

13.03: Futuro e Liberta’ ”non e’ contro il Pdl, non siamo contro il Popolo delle Liberta’, non siamo loro avversari, non siamo contro Berlusconi, ma abbiamo semplicemente un progetto piu’ ambizioso: noi siamo oltre il Pdl e oltre Berlusconi”. Lo afferma Gianfranco Fini dal palco della convention di Fli. ”Quella pagina si e’ chiusa o si sta chiudendo – aggiunge – perche’ non e’ stata capace di incarnare desideri e progetti. La grande rivoluzione liberale non si e’ mai realizzata se non in minima parte”.

12.59: ”Fli non sara’ mai subalterno ad una cultura politica della sinistra, che rispettiamo ma che non ci puo’ insegnare nulla. Non la demonizziamo consideriamo risibile che ancora oggi chi e’ corto di argomenti dice che ci sono ancora i comunisti, c’e’ qualcosa di diverso. Se Berlusconi ha necessita’ di polemizzare trovi un argomento uno piu’ fondato e credibile”. Lo afferma Gianfranco Fini nel corso del suo intervento alla convention di Fli.(

12.58: ”Bianchi e neri; cattolici, ebrei e musulmani; uomini e donne; eterosessuali ed omosessuali; italiani e stranieri: qualsiasi persona, la persona umana, senza distinzioni e discriminazioni, deve essere al centro dell’azione della politica e avere la tutela dei propri diritti”. Lo afferma Gianfranco Fini dal palco della convention di Fli

12.57: ”Il problema della cittadinanza e’ una grande sfida culturale e mi rifiuto di pensare che il centrodestra si faccia portavoce del leghismo deteriore che risolve tutto dicendo ‘l’immigrato se ne vada’. Contestiamo la dabbenaggine di chi non capisce che non si puo’ non integrare chi arriva nel nostro Paese e, anche se non ne e’ cittadino, mette al mondo dei figli, lavora e rispetta determinati doveri”. Lo afferma Gianfranco Fini dal palco della convention di Fli.

12.56: In Italia ”dobbiamo colmare il divario ed allinearci agli standard europei” sulla tutela tra le famiglie di fatto e quelle tradizionali. Lo ha detto Gianfranco Fini alla Convention di Fli. Fini ha definito la famiglia in Italia come ”un ammortizzatore sociale. Se non fosse per la famiglia – ha spiegato – tradizionale o di fatto, quel disagio sociale che nel Paese c’e’ sarebbe ancor maggiore”