Coronavirus, la viceministra Ascani guarita: “Dormivo col saturimetro al dito”

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 Aprile 2020 12:01 | Ultimo aggiornamento: 14 Aprile 2020 12:01
Coronavirus, la viceministra Ascani guarita: "Dormivo col saturimetro al dito"

Coronavirus, la viceministra Ascani guarita: “Dormivo col saturimetro al dito” (Foto Ansa)

ROMA – “Dormivo col saturimetro al dito: era la mia coperta di Linus che mi dava sicurezza sul livello di ossigeno nel sangue”. Così Anna Ascani, viceministra all’Istruzione, racconta la sua battaglia contro il coronavirus. 

In una intervista al Corriere della Sera, Ascani confessa: “Sì, ho avuto paura. Specie la notte, quando senti ancora di più il peso dell’isolamento”. A metà marzo la deputata era risultata positiva al Covid-19, restando in isolamento nella sua abitazione di Città di Castello. Dopo 31 giorni è arrivato il secondo tampone negativo e dunque la conferma ufficiale della guarigione. 

“E’ stata una battaglia durissima”, ricorda Ascani che rientrata al ministero. “Il 14 marzo stavo male da due giorni e il tampone ha confermato il contagio. All’inizio avevo solo un po’ di febbre, che poi è salita fino a 39 e non andava giù. Poi sono arrivati dolori alle ossa e alla schiena. Sentivo in particolare la pressione sul petto”.

Per fortuna però non è stato necessario il ricovero in ospedale. “Era il mio terrore. Soffro di asma fin da bambina“, rivela la deputata Pd. “Sono fortunata, mio fratello Andrea – spiega – vive accanto a me e mi ha fatto da infermiere a distanza, il suo affetto è impagabile. Mi ha portato anche la Playstation. Mio fratello lasciava la spesa fuori. Poi cucinavo io”. (Fonte: Corriere della Sera).