Coronavirus: comandante Alfa e il lungo post su Fb: “Siamo in guerra”. Per Carabinieri e Guerini “parole gravissime”

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 22 Marzo 2020 12:42 | Ultimo aggiornamento: 22 Marzo 2020 12:42
comandante alfa coronavirus

Coronavirus: comandante Alfa e il lungo post su Fb: “Siamo in guerra”. Per Carabinieri e Guerini “parole gravissime”

ROMA – Ha destato polemiche la lunga lettera che il comandante Alfa, ex fondatore dei Gis dei carabinieri, lontano dall’Arma perché in pensione da anni, ha postato sui social. Una lettera durissima che a qualcuno ha fatto addirittura gridare al golpe. L’Arma dei Carabinieri ha fatto infatti trapelare che sta valutando la possibilità di adottare “provvedimenti nei confronti del militare che è in quiescenza da tempo”.

Lo stesso ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, ha definito le parole del comandante Alfa “gravissime e inaudite e che condanno con tutta forza, pur se pronunciate da chi è in congedo da anni. Le Forze Armate sono presidio a servizio del Paese e delle sue istituzioni democratiche. Come anche in questa emergenza stanno dimostrando”.

Comandante Alfa è un nome in codice che nasconde la sua vera identità. Fondatore dei gruppi speciali del Gis, le teste di cuoio dei Carabinieri, da anniè  in pensione e non più in servizio nell’Arma, sull’emergenza coronavirus ha scritto un lungo post che ripotiamo in parte: “Non posso più tacere, la rabbia e il dolore sono forti e non voglio e non devo più contenerli. Siamo un paese in emergenza , in guerra. Sì in guerra, i decreti non servono più a nulla, sono confusi, servono a indebolirci e non a rinforzarci”.

Sono pallottole al sale quando metaforicamente servirebbero quelle vere. Dove siete tutti voi politici salvatori del popolo, dove siete nascosti, con i vostri sorrisi, i proclami e i video ipocriti e inopportuni. Dove sono le signore con le gambe accavallate che spopolavano in tv difendendo o attaccando a destra e a manca ? Dove siete voi che salendo sulle navi pirata avete incensato e legittimato l’aggressione ai nostri militari della Guardia di Finanza. Dove sono le sardine e i centri sociali sempre pronti a scendere in piazza contro e mai per?”

“Prendete le vostre mascherine, mettetevi una tuta da palombaro e correte a supportare e portare vicinanza ai soldati in prima linea . Sanitari, militari, autotrasportatori, operatori del commercio, volontari e tanti altri che rischiano la vita per tutti noi e anche per voi. Il parlamento è chiuso? Vi riunite due volte a settimana? Siamo in guerra e voi vi nascondete come topi? No, non possiamo accettarlo. Questa volta la misura è colma, penso a coloro che stanno rischiando e combattendo con pochissime armi, a volte addirittura senza”.

“Un popolo si riconosce da chi lo rappresenta, ma io in questo momento non vedo nessuno. Chiudete tutto, lasciando aperti i servizi essenziali per la sopravvivenza, garantendo agli operatori la tutela adeguata. Schierate l’esercito, istituite il coprifuoco, chiudete i confini, i porti, sigillate il nostro paese all’Europa che ci ha lasciati soli e che ci ha presi in giro senza che nessuno dei nostri governati ci abbia difesi. Siamo eccellenza in tutti i campi, cultura, sanità, intelligence, militare ecc. e voi a colpi di decreti a puntate , peraltro confusi e spesso impraticabili, chiusi nelle vostre dimore, nei vostri agi non date l’esempio. Non ho sentito né letto un sacrificio da parte vostra, la rinuncia ai vostri benefici.. dove sono i vostri sacrifici?” 

Fonte: AdnKronos, Facebook