Coronavirus, Miley Cyrus a Conte: “Aderisci al GlobalGoalUnited”. Il premier: “Italia in prima linea”

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 Giugno 2020 14:05 | Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2020 14:05
Coronavirus, Miley Cyrus a Conte: "Aderisci al GlobalGoalUnited". Il premier: "Italia in prima linea"

Coronavirus, Miley Cyrus (nella foto Ansa) a Conte: “Aderisci al GlobalGoalUnited”. Il premier: “Italia in prima linea”

NEW YORK  –  Scambio di tweet tra la popstar americana Miley Cyrus e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. 

Specificamente sabato 13 giugno la cantante ha lanciato un appello al premier italiano perché aderisca, insieme ad altri leader europei, alla campagna internazionale Global Goal: United for the Future.

“Per favore, ti unisci a noi premier Giuseppe Conte? #GlobalGoalUnite”, ha twittato Miley Cyrus.

“L’Italia e il mondo sono uniti in solidarietà con Black Lives Matter negli Usa. Dobbiamo restare uniti – ha esortato la popstar sul social – per contrastare il Covid-19 e il suo sproporzionato impatto sulle comunità emarginate, soprattutto quelle di colore”.

Poco dopo la replica di Conte: “L’Italia è stata in prima linea nella battaglia contro il Covid-19 ed è impegnata nell’Act-Accelerator per assicurare un accesso universale e equo ai vaccini e alle cure. La cooperazione internazionale e la solidarietà sono le chiavi per avere successo. Insieme ce la faremo”.

Scambio di tweet tra Miley Cyrus e Conte. Ecco cos’è l’Act Accelerator

L’Act Accelerator citato dal presidente del Consiglio nel tweet di risposta alla popstar americana è l’atto che sancisce una sorta di alleanza globale per accelerare lo sviluppo di test, farmaci e un possibile vaccino contro il coronavirus.

A presentare l’iniziativa il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom, insieme alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, al presidente francese Emmanuel Macron e a Malinda Gates, co-presidente della Fondazione Bill e Melinda Gates.

La fondazione che porta il nome dei Gates è tra i maggiori finanziatori dell’Organizzazione mondiale della Sanità.

All’Act Accelerator non partecipano gli Stati Uniti, che hanno sospeso i finanziamenti all’Oms, e la Cina. (Fonti: Ansa, Agi)