Corte Costituzionale-Berlusconi, ministri Pdl: “Politica subalterna a giudici”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Giugno 2013 19:22 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2013 19:22
Corte Costituzionale-Berlusconi, ministri Pdl: "Politica subalterna a giudici"

Berlusconi in tribunale (foto Lapresse)

ROMA – Berlusconi, no legittimo impedimento. Pdl compatto col “capo”. Appena la Corte Costituzionale ha respinto la richiesta degli avvocati di Berlusconi, i ministri e gli “aficionados” del Cavaliere lo hanno difeso a spada tratta.

Ministri Pdl

”Ci rechiamo immediatamente da Berlusconi. La decisione travolge ogni principio di leale collaborazione e sancisce la subalternita’ della politica all’ordine giudiziario”. Lo afferma in una nota i ministri del Pdl.

Michaela Biancofiore

”Come volevasi dimostrare , e’ arrivato solenne il respingimento del legittimo impedimento da parte della Consulta nei confronti di Silvio Berlusconi , all’epoca dei fatti premier in carica”. Lo afferma Michaela Biancofiore, sottosegretario alla Pubblica Amministrazione. ”Speravamo che la Consulta – prosegue – si distinguesse dall’accanimento contra personam portato avanti da anni ai danni del leader di centro destra , ma in fondo- conoscendo le cose italiane , davamo per scontato il respingimento . Continuiamo a mantenere nervi saldi per responsabilita’ nei confronti del Paese , ma oggi confidiamo che il giudice di ultima istanza non possa che scagionare completamente l’ex Premier Silvio Berlusconi , perche’ il fatto non sussiste . Berlusconi e’ innocente , lo sanno tutti gli italiani”.

Laura Ravetto

”Se non e’ legittimo impedimento la presenza a un consiglio dei ministri di una figura determinante come il primo ministro, che cosa lo e’?” Lo afferma Laura Ravetto, responsabile nazionale propaganda del Popolo della Liberta’.