Crisi governo, tre ministri Pdl: “Obbediamo, ma addio a questa Forza Italia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 settembre 2013 12:04 | Ultimo aggiornamento: 29 settembre 2013 13:57

Crisi governo, due ministri Pdl: "Obbediamo, ma addio a questa Forza Italia"ROMA – Dopo le dimissioni di massa il Pdl si scopre diviso. Tant’è che tre ministri del Pdl stesso, Gaetano Quagliariello, Beatrice Lorenzin e Maurizio Lupi dicono: “Obbediamo alle dimissioni. Ma diciamo addio a questa Forza Italia”.

I tre, ormai ex ministri del Pdl, prendono quindi apertamente le distanze dalla scelta del Cavaliere. Netta la pozione dell’ex ministro di Beatrice Lorenzin. Sì alle dimissioni “per coerenza politica nei confronti di chi mi ha indicato come ministro tuttavia continuerò a esprimere le mie idee e i miei principi nel campo del centrodestra, ma non in questa Forza Italia”.

La Lorenzin aggiunge:

«Berlusconi è un perseguitato e il suo dramma personale è diventato il dramma di tutti noi, di un intero partito, dell’Italia. Comprendo fino in fondo il suo stato d’animo, ma non giustifico nè condivido la linea di chi lo consiglia in queste ore. Tentano di distruggere tutto quello che Berlusconi ha costruito e rappresentato per milioni di italiani».

Gaetano Quagliariello poi, commentando la scelta delle dimissioni parla di un “fallo di reazione. Io – ha aggiunto – non ho aderito perché penso che una persona che fa politica deve avere l’inclinazione al compromesso”. Quando le dimissioni? “Non ho fatto in tempo, quando rientro”. E poi annuncia: “Se Forza Italia è questa, io non aderirò”.

Maurizio Lupi dice: “Così non va. Fi non può essere un movimento estremista in mano a degli estremisti. Vogliamo stare con Berlusconi ma non con i suoi cattivi consiglieri. Si può lavorare per bene del Paese essendo alternativi alla sinistra rifiutando gli estremisti. Alfano si metta in gioco per questa buona e giusta battaglia”.