Politica Italia

Csm, Glauco Giostra e Guido Calvi sono i candidati del Pd. Marino critico: “Sempre ex Dc ed ex Pci”

franceschini

Dario Franceschini

L’avvocato Guido Calvi e il professor Glauco Giostra sono i candidati del Pd al Csm. I due nomi sono stati annunciati dal capogruppo alla Camera, Dario Franceschini, durante la riunione dei deputati e dei senatori del Pd in corso a Montecitorio.

I nomi di Giostra e Calvi, proposti da Franceschini a nome della segreteria e degli uffici di presidenza dei gruppi di Camera e Senato, sono stati posti ai voti, ricevendo l’assenso di quasi tutti i circa 300 presenti. I voti contrari, infatti, sono stati quattro: Ignazio Marino, Sandro Gozi e Luisa De Biasi: quest’ultima ha lamentato l’assenza di una donna tra i candidati, come vuole invece lo statuto del Pd.

Gli astenuti sei: Rosa Calipari e Felice Casson, vice capigruppo alla Camera e al Senato, Luigi Lusi, Albertina Soliani, Roberto Della Seta e Francesco Ferrante. ”Io e Casson – ha spiegato Calipari ci siamo astenuti non perché abbiamo riserve sulle qualità personali di Calvi e Giostra, ma per il metodo con cui si è giunti a sceglierli”.

Proprio Marin0 si è dimostrato molto critico nei confronti dei nomi che sono stati scelti: ”Il Pd commette un errore quando, al momento delle sue scelte, riconduce sempre tutto alle solite culture, il Pci e la Dc. Il Pd, invece, dovrebbe dare l’idea di guardare al futuro, dare il senso del dinamismo di una ricerca in prospettiva, e non rivolta al passato. Per esempio si potrebbe adottare un metodo diverso, come avviene in Europa, dove i candidati vengono auditi per poterne verificare le competenze e le abilita”’.

To Top