Dall’asta frequenze soldi a polizia, scuole, ambiente

Pubblicato il 17 ottobre 2011 17:35 | Ultimo aggiornamento: 17 ottobre 2011 17:46

ROMA – Le maggiori entrate arrivate dall’asta frequenze 4G, pari a circa 1,6 miliardi di euro, verranno ”riassegnate per il 50 per cento al fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato; il restante 50% e’ riassegnato nell’anno 2011” per una serie di finalita’, dal finanziamento alla Polizia, alla sicurezza delle scuole, fino all’ambiente. E’ quanto si legge nel testo definitivo della Legge di Stabilità.

In particolare ”200 milioni di euro al ministero della Difesa – si legge nell’articolo 5 del disegno di legge per il potenziamento ed il finanziamento di oneri indifferibili del comparto difesa e sicurezza, quanto a 220 milioni di euro al ministero dell’Interno per il potenziamento ed il finanziamento di oneri indifferibili della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e dei Vigili del fuoco, quanto a 30 milioni di euro al Corpo della Guardia di Finanza per il potenziamento ed il finanziamento di oneri indifferibili, quanto a 100 milioni di euro al Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, quanto a 100 milioni di euro al ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare per interventi in materia di difesa del suolo ed altri interventi urgenti, quanto a 100 milioni di euro al ministero dello Sviluppo economico per il finanziamento del fondo di garanzia”.