Santanché: “Se saranno primarie mi candido premier, Alfano bravo ma…”

Pubblicato il 11 Maggio 2012 9:37 | Ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2012 9:37
Compleanno Barbara D'urso13

Daniela Santanche alla festa di Barbara D'Urso

ROMA – Daniela Santanchè conferma al ‘Corriere della Sera’: secondo lei il candidato premier nel 2013 dovrebbe essere Silvio Berlusconi ma se si faranno le primarie lei si candiderà come possibile premier, perché Angelino Alfano “è un buon segretario… ma fare il primo ministro è una cosa diversa”.

“Io – dice Santanché al ‘Corriere della Sera’ – fatico a pensare che le ultime elezioni non siano andate bene per noi, e sa perché? Perché per tutta la campagna elettorale Berlusconi non ci ha mai messo la faccia. Ce l’avesse messa, io sono sicura che… Detto questo, io mi fido così tanto di lui che se poi, al posto suo, indicasse come candidato pizza e fichi, io mi terrei pure pizza e fichi… Tutto questo, naturalmente, se il partito non deciderà invece il percorso delle primarie. A quel punto, ma solo a quel punto, sì, io mi candiderei”.

La reazione del partito? “Temo che la mia candidatura – dice – sarebbe accolta con molti bronci. Sarei fuori dalla liturgia. Si sa come sono fatta, io. Dico quello che penso, magari parlo con la pancia, d’istinto, magari qualche volta posso essere sopra le righe, però certo sono molto distante da quel tipo di politico vestito di grigio, che non si capisce mai bene cosa pensi realmente, e che dice sì, dice sempre sì a tutto…”.

Poi mette le cose in chiaro: “Vorrei che si capisse che io non ho nulla contro Alfano, ma proprio niente niente niente. Solo vorrei sentirmelo dire da Berlusconi che lui è il nostro candidato premier. Tutto qui”.