Daniela Santanchè: “Un uomo mi ha chiesto se potevo portarlo al guinzaglio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Settembre 2019 14:04 | Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2019 14:04
Daniela Santanchè: "Un uomo mi ha chiesto se potevo portarlo al guinzaglio"

Daniela Santanchè (foto ANSA)

ROMA – Daniela Santanchè è intervenuta ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format “I Lunatici“, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

La Santanchè ha parlato del suo rapporto con i social: “Gli haters li ho anche io. Richieste stravaganti? Devo dire che qualcosa mi è capitato, ma non più di tanto. Faccio un po’ paura. Però qualche richiesta strana è arrivata anche a me. Mi ricordo tempo fa che un signore mi scrisse se potevo portarlo una notte al guinzaglio. Mi ha fatto ridere, la mente umana è strana”.

La senatrice di Fratelli d’Italia ha parlato del nuovo Governo: “Sensazioni e opinioni? Orrende. Ho visto l’altro giorno una piazza piena di cittadini, di operai, professori, artigiani, carabinieri e poliziotti sorridenti, imprenditori, lavoratori. Una sensazione meravigliosa. Quella di ieri invece è stata una giornata drammatica, il Governo ha ottenuto la fiducia contro il volere del popolo. Un giorno triste per la democrazia”.

Sul tweet di Chef Rubio contro militanti Lega e Fdi in piazza: “Si è chiesto perché nessuno è stato picchiato, perquisito o schedato? E’ un cretino. Non c’è niente da rispondergli, il suo è un livello talmente basso che rispondergli sarebbe una perdita di tempo”.

Sul Ministro Teresa Bellanova: “A me interessa quello che fa un Ministro, non come si veste. E poi devo dire che ho visto uomini vestiti malissimo, in confronto Bellanova sembrava elegantissima. Mi è piaciuto come ha risposto agli haters. Non si giudica una donna da come si veste, e la Bellanova non mi sembrava inadeguata. Per quanto riguarda il titolo di studio, da mamma dico ai ragazzi che è bene studiare e laurearsi. Magari non tutti lo fanno, magari non tutti in altri tempi non ne hanno avuto la possibilità, ma oggi credo che una laurea sia importante”.

Chiusura dedicata a Salvini: “Ha sbagliato i tempi della crisi. Capisco che ha staccato la spina, un po’ tardi, ma stare con i Cinque Stelle ci vuole un gran fegato. Avrà capito anche Salvini che loro avevano un programma opposto a quello promesso agli elettori della Lega. Salvini ha fatto qualche errore, ma noi non siamo qui per buttargli la croce addosso”.