Ddl intercettazioni, pm sostituito quando verrà avviata l’azione penale contro di lui

Pubblicato il 21 luglio 2010 21:52 | Ultimo aggiornamento: 21 luglio 2010 22:16

La Commissione Giustizia della Camera ha approvato l’emendamento presentato da Enrico Costa secondo il quale la sostituzione del pm accusato di aver violato il segreto d’ufficio o di aver rilasciato dichiarazioni sul procedimento che gli è stato affidato dovrà avvenire dal momento in cui verrà esercitata nei suoi confronti l’azione penale.

Nel ddl intercettazioni, licenziato dal Senato, si prevedeva invece che la sostituzione del pm avvenisse dal momento in cui veniva iscritto nel registro degli indagati.

La Commissione Giustizia aveva dato parere favorevole a tutti e sei gli emendamenti presentati dal capogruppo del Pdl in Commissione, Enrico Costa, e ai cinque depositati dal presidente della Commissione, Giulia Bongiorno.