Ddl Province, M5s: “Non saranno abolite, cambiano solo nome”

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Dicembre 2013 20:02 | Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2013 20:03
Ddl Province, M5s: "Non saranno abolite, cambiano solo nome"

Ddl Province, M5s: “Non saranno abolite, cambiano solo nome”

ROMA – M5s contro il disegno di legge sulle Province e le città metropolitane. Il gruppo dei grillini alla Camera attacca: “è falso che le province saranno abolite, cambieranno solo nome in città metropolitane”.

“Il governo canta vittoria per il ddl sulle province, parlando di tagli e riordino. Nulla di più falso. Il ddl sarà presto dichiarato incostituzionale perché trasforma degli enti elettivi in non elettivi e per fare questo serve una riforma costituzionale. A un governo M5S sarebbero bastate poche righe per tagliare le province, un semplice disegno di legge costituzionale, sopprimendo all’articolo 114 della Costituzione la parola Province”.

Invece, dicono gli M5s, il governo 

“parlando di legge che le sopprime fa solo propaganda. Infatti, è falso che le province saranno abolite, ma cambiano solo nome, diventando ‘città metropolitane’. E’ falso che si tratti di un riordino. Vi sarà, anzi, una moltiplicazione di enti perché potranno coesistere sia le province, sia le città metropolitane, sia i consorzi dei comuni. E’ falso, infine, che avremo tagli ai costi. A denunciarlo è stata la Corte dei Conti, secondo la quale con questa legge i costi lieviteranno.Ad essere colpiti da questa legge, più dannosa che inutile, saranno come sempre i cittadini e le aziende,soffocati da un aumento esponenziale della burocrazia. Ancora una volta siamo di fronte a una legge-spot”.