Delbono: pm contesta reati di peculato e truffa

Pubblicato il 19 Marzo 2010 19:25 | Ultimo aggiornamento: 19 Marzo 2010 19:26

All’ex sindaco di Bologna, Flavio Delbono, vengono contestati i reati di peculato e truffa aggravata nei confronti della Regione Emilia-Romagna (di cui è stato vicepresidente fino al 2008) per un valore complessivo di circa 20.900 euro.

È quanto risulta dall’avviso di fine indagine, firmato dal pm Morena Plazzi, che gli è stato inviato ieri.

Il peculato è il reato in virtù del quale l’incaricato di pubblico servizio, che, avendo per ragione del suo ufficio il possesso (o la disponibilità di denaro) o di altra cosa mobile altrui, se ne appropria.

Delbono è inoltre indagato per intralcio alla giustizia e induzione a rilasciare false dichiarazioni per via delle pressioni e offerte fatte alla sua ex Cinzia Cracchi perchè tacesse. Accuse condivise con il suo ex assessore al welfare Luisa Lazzaroni.

La donna dovrà rispondere anche di false dichiarazioni al pm perchè disse di aver consegnato a Cinzia, per conto dell’ex sindaco, due buste con circa 5 mila euro (ma senza conoscerne il contenuto), consegna smentita dalla Cracchi in un faccia a faccia in procura.