Di Maio: “I morti del Ponte Morandi colpa della famiglia Benetton”. VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Giugno 2019 12:24 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2019 12:48
Di Maio: "I morti del Ponte Morandi colpa della famiglia Benetton". VIDEO

Di Maio: “I morti del Ponte Morandi colpa della famiglia Benetton”. VIDEO

ROMA – “I morti del Ponte Morandi sono colpa della famiglia Benetton”: il giorno dello spettacolare abbattimento del moncone sopravvissuto al crollo, il vicepremier Di Maio insiste con il suo attacco diretto e brutale alla società concessionaria, indicando stavolta per nome quelli che considera i responsabili. In un colpo solo processo e condanna, senza che un tribunale abbia prodotto una sentenza, senza il minimo riguardo per i 31mila occupati del gruppo, dei risparmiatori che hanno investito in un titolo azionario in caduta libera dopo le minacce di revoca della concessione. 

Si avvera dunque la profezia del premier Conte che a a caldo, ma nonostante il titolo di avvocato, sosteneva che “non abbiamo tempo per aspettare le sentenze”. Un anno dopo, a freddo, siamo ancora lì, alle minacce e alle ingiurie (ma intanto la revoca è ancora un miraggio). Dice Di Maio che per il lavoro, cioè il rischio della perdita di posti, non c’è problema: li riassume lui, anche le migliaia di lavoratori stranieri di quella che è una multinazionale?

“Colpa dei Benetton”. Il crollo del ponte Morandi “è stata una pagina tristissima della nostra storia e grazie all’abbattimento ora possiamo costruire. Ma soprattutto dobbiamo fare giustizia. Quelle persone che sono morte sono morte perché qualcuno non ha fatto manutenzione per questo ponte. E quel qualcuno sono Autostrade per l’Italia della famiglia Benetton, inutile che si dica Atlantia per non capire di chi stiamo parlando. Sono la famiglia Benetton”. Lo afferma il vicepremier, Luigi Di Maio in un video su Facebook.

“Revoca della concessione volontà del Movimento”. “Se il 14 agosto la politica, il governo, vuole andare a commemorare le vittime ci vada, e ci dobbiamo andare, con la procedura di revoca delle concessioni almeno avviata. E questa è la volontà politica del Movimento cinque stelle e lo deve essere del governo”.

“Una cosa la prometto alle vittime e alle famiglie delle vittime come l’abbiamo promessa un anno fa: la procedura di revoca delle concessioni – sottolinea Di Maio – deve essere avviata e su questo non ci sarà nessuna intervista e nessuna dinamica di governo che possa fermarci perché altrimenti è meglio che il 14 agosto le passerelle come governo ce le risparmiamo”

Atlantia: Gelmini,dopo parole Di Maio a rischio posti lavoro. “L’intemerata del ministro Di Maio contro Atlantia sta costando quasi un miliardo di euro agli azionisti della società. Il leader del M5S non sta danneggiando solo la famiglia Benetton ma anche, se non soprattutto, i piccoli risparmiatori, cioè tutti coloro hanno investito in borsa le somme messe da parte durante una vita di lavoro e hanno il titolo in portafoglio. Senza contare poi le ricadute occupazionali della ‘profezia’ di Di Maio. Il ministro del lavoro che mette a rischio decine di migliaia di posti di lavoro è un corto circuito che il Paese non può permettersi. Atlantia ha annunciato un’azione legale contro il ministro, auspico che il titolare del Mise abbia il coraggio di rinunciare all’immunità e affrontare la giustizia italiana”. Lo afferma Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia. (fonte Ansa)

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev.