Di Pietro e la guerra Idv: “Killeraggio contro di me. 15 case? Sono due”

Pubblicato il 3 novembre 2012 9:19 | Ultimo aggiornamento: 3 novembre 2012 9:18

Antonio Di Pietro (LaPresse)

ROMA – Si erano amati o almeno, per anni, hanno combattuto insieme la stessa battaglia, quella contro Silvio Berlusconi. Invece, oramai nell’Italia dei Valori volano gli stracci. Complice la svolta filo Beppe Grillo dell’ex magistrato mal digerita da parte del partito e complice un’inchiesta giornalistica che ha denunciato una presunta gestione non ortodossa dei fondi del partito da parte di Di Pietro.

Così quando  Donadi attacca apertamente Di Pietro e definisce l’ipotesi di ticket con Grillo come l’accoppiata dei rivoluzionari populisti messicani ‘Zapata-Pacho Villa’‘, l’ex pm risponde subito partendo proprio dalll’inchiesta: ”Più che di disattenta informazione, trattasi di scientifica opera di killeraggio politico, portata avanti da chi vuole, a tutti i costi e da anni oramai, distruggere il mio nome e tentare di bloccare l’azione politica dell’Idv, partito di cui sono stato il fondatore e sono ancora il Presidente”.

La convocazione straordinaria di una assemblea generale a dicembre e la prospettiva di un congresso non sono riuscite ad arginare la guerra interna al partito. Anzi. E se possibile l’investitura di Grillo che (provocazione?) propone Di Pietro al Quirinale  attira nuove critiche. In primis quelle di Donadi che si dice pronto a lasciare il partito ”Se si ascoltano le sirene grilline”. Il ticket Di Pietro-Grillo non piace neanche al Pd. Pier Luigi Bersani lo giudica ”non utile al Paese ne’ come modello democratico, ne’ come direzione di marcia”. Per il Pdl, invece, è solo un tentativo del blogger genovese di prendersi partito e voti dell’ex pm, una sorta di ‘bacio della morte’.

5 x 1000

Ma le critiche più aspre sono quelle interne, quelle di Donadi : Il ”declino di Di Pietro – spiega il parlamentare veneto – è simile a quello di Berlusconi”. Di Pietro risponde con le carte e sul suo blog presenta le ”visure catastali, dalle quali ci si può  facilmente rendere conto che i figli non sono affatto proprietari di ’15 case’ ma solo di due appartamentini” comprati con i suoi ”risparmi” e quelli della moglie. (Per i documenti dal blog di Di Pietro clicca qui).

Ma nell’Idv c’è anche chi difende il leader. La senatrice Patrizia Bugnano si schiera ”al fianco” dell’ex pm e si rivolge direttamente a Donadi: ”Se il progetto iniziale dell’IdV riprenderà vigore non vorrà dire che si sta cedendo alle sirene dell’ antipolitica di Grillo”.

Il movimentista Francesco Barbato definisce ”democristiano” l’atteggiamento di Donadi e lo accusa di voler ”portare l’Idv verso il Pd con logiche della vecchia partitocrazia”. Anche Zazzera attacca Donadi: ”Ha dimenticato di essere capogruppo? – afferma – Faccia chiarezza per farci capire a quale progetto sta lavorando”. Tacciono, invece, i sindaci Leoluca Orlando e Luigi de Magistris, indicati insieme a Donadi come i principali antagonisti di ‘Tonino’ in vista del congresso. Donadi, che invoca l’esecutivo del parto quanto prima, avrebbe preso contatti con il Pd. Se dovesse ottenere la guida del partito appare probabile un accordo con i democratici in vista del voto del 2013. Significativa sara’ l’assemblea generale di dicembre: in quella occasione si stabilirà la data per il congresso, una convocazione immediata significherebbe una affermazione della linea Donadi nel partito.

In caso contrario, con un congresso rinviato a dopo il voto, i giochi sarebbero chiusi. Anche in questa ottica vanno letti le mosse di de Magistris e la sua ‘lista arancione’ dei sindaci. Di Pietro, invece, stringe con Grillo. Negli anni i rapporti tra i due sono andati a corrente alternata: momenti di grande amore ma anche di forte rivalita’. In molti temono ‘l’abbraccio mortale’ del leader del M5S. Per Elio Veltri, cofondatore e accusatore numero uno di Di Pietro, ”Grillo promette una cosa che sa di non poter mantenere, ma ruba a Di Pietro i voti e il partito”.