Dino Giarrusso, campagna elettorale finanziata dai lobbisti. M5S lo segnala ai probiviri

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Novembre 2020 10:18 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2020 10:18
Dino Giarrusso, campagna elettorale finanziata dai lobbisti. M5S lo segnala ai probiviri

Dino Giarrusso, campagna elettorale finanziata dai lobbisti. M5S lo segnala ai probiviri

Bufera in casa M5S sul grillino ed ex Iena Dino Giarrusso. L’eurodeputato del M5S è stato segnalato ai probiviri, per iniziativa del capo politico, Vito Crimi.

Il caso Dino Giarrusso nasce dalle rivelazioni della trasmissione di Rai3, Report, che ha parlato di un finanziamento alla campagna elettorale dell’ex Iena per le Europee 2019. Finanziamento da parte della moglie di un imprenditore che sta lavorando alla ricerca di un vaccino e che si è presentata come sostenitrice dei Cinquestelle.

Circostanza che lo stesso Giarrusso ha confermato con un video su Facebook, spiegando le sue ragioni e i dettagli della vicenda dal suo punto di vista.

 “Io sono molto tranquillo. Ho rispettato le regole del M5S e la legge. Farò chiarezza agli organi di garanzia, di cui mi fido ciecamente”, ha dichiarato l’ex inviato della tarsmissione Mediaset Le Iene all’Adnkronos.

Giarrusso verrà espulso dal Movimento?

Ma nel Movimento c’è chi vede già l’espulsione per Giarrusso: “Farsi finanziare le campagne elettorali da chi ha interessi, ti mette in una posizione scomoda verso il finanziatore. Per questo nessuno del M5S si è mai fatto finanziare personalmente da lobbisti. Se qualcuno lo facesse, verrebbe espulso immediatamente”, scrive su Twitter l’eurodeputato del M5S Ignazio Corrao, riferendosi (senza però citarlo) al caso del collega Giarrusso. Fonti Adnkronos e Il Tempo).