Di Pietro parla con Berlusconi e il web insorge: “E che dovevo fare? Menargli?”

Pubblicato il 23 Giugno 2011 15:34 | Ultimo aggiornamento: 23 Giugno 2011 22:08

Berlusconi e Di Pietro conversano alla Camera

ROMA – Dopo la pubblicazione della foto in cui Antonio Di Pietro e Silvio Berlusconi parlano alla Camera, sono scoppiate diverse polemiche nel web e tra i sostenitori dell’opposizione.

Antonio di Pietro oggi ha risposto nel suo blog a chi ha letto in maniera maliziosa quella breve conversazione ed ha spiegato: “Che dovevo fare menargli?”

Scrive il leader dell’Idv: “‘Molte persone si sono chieste e mi hanno chiesto che cosa mi sono detto con il presidente del consiglio ieri nell’aula di Montecitorio. La curiosità è  lecita ma per molti nella domanda c’era un pizzico di malizia, come se quelle due parole scambiate pubblicamente volessero dire chissa’ che”. Lo scrive sul suo blog il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro.

”Innanzitutto – continua Di Pietro – preciso che è stato il Presidente del consiglio ad avvicinarsi a me e non io a lui. Poi io gli ho detto direttamente quello che cerco di dirgli indirettamente da mesi: che se ne deve andare, che per il bene del Paese dovrebbe avere il senso di responsabilità di lasciare il governo anche se ha ancora una maggioranza parlamentare che però non significa più niente dal momento che è stata comprata e che non corrisponde più alla maggioranza reale del Paese. Tutto qui. E che altro dovevo fare, menargli?”.

”Tanto dovevo dire a Silvio Berlusconi e tanto gli ho detto, anche se non credo che mi darà retta, purtroppo. Però – prosegue Di Pietro – qualcosa voglio dire anche sui sospetti e sulle malignità che si sono moltiplicati dopo quel colloquio. Io mi batto contro Berlusconi e contro il berlusconismo da 16 anni. Molti di quelli che si sono scandalizzati per quel colloquio mi hanno criticato per anni dicendo che facevo un’opposizione troppo intransigente. Se oggi parliamo di Berlusconi quasi già al passato è  in grandissima parte grazie ai referendum voluti, contro il parere di tutti, solo da noi dell’Italia dei valori”.

“Nessuno – continua il leader dell’Idv – con un grano di sale in zucca può pensare che io sia diventato berlusconiano. E allora perché tutte queste critiche incomprensibili? Secondo me perché io non mi accontento di un plebiscito che metta fine al berlusconismo ma voglio che il centrosinistra si dia un programma politico che non può più essere solo dire no a Berlusconi e alle sue leggi. Mi dispiace tanto per chi si risente, però devo insistere. Se vogliamo non solo vincere ma anche governare e fare qualcosa di buono per questo Paese dobbiamo capire prima cosa vogliamo fare, con chi e perchè”.

Di Pietro in realtà, come spiega questo servizio mandato in onda da Sky, durante l’intervento alla Camera ha fortemente criticato il Pd creando non pochi malumori all’interno dell’opposizione: