Dirigenti pubblici: addio doppio stipendio? Fatta la norma, trovata la deroga

Pubblicato il 15 Dicembre 2011 19:40 | Ultimo aggiornamento: 15 Dicembre 2011 19:40

Il giuramento dei sottosegretari del governo Monti. Fra loro non mancano i dirigenti pubblici(Lapresse)

ROMA – Nel decreto “Salva Italia” della manovra Monti c’è una norma che abolisce il doppio stipendio dei dirigenti pubblici ma c’è un comma che fa rientrare dalla finestra lo stipendio in più fatto uscire dalla porta. Basta una “deroga motivata” del presidente del Consiglio e l’alto funzionario potrà continuare a ricevere la sua doppia retribuzione. Tutto scritto e tutto pubblico, basta leggere bene il comma 3 dell’articolo 23-ter:  “Con decreto del presidente del Consiglio dei ministri possono essere previste deroghe motivate per le posizioni apicali delle rispettive amministrazioni ed è stabilito un limite massimo a titolo di rimborso spese”.

In pratica una decisione del premier può alzare il tetto dello stipendio del dirigente ad libitum. E stavolta non c’è neanche bisogno che la “lobby” dei parlamentari faccia pressione, il governo ha già fatto tutto da solo, prima ha messo un limite poi si è riservato il potere di superarlo. Dicono i maligni: per non tagliare la busta paga a qualche componente dell’esecutivo che è anche alto funzionario pubblico.

Eppure era partito bene Mario Monti, sulla questione dei doppi incarichi, stabilendo nel comma 2 dell’ormai famoso articolo 23 ter “Disposizioni in materia di trattamenti economici” che se lo Stato dà un secondo incarico dirigenziale a un funzionario pubblico, questi non riceverà un secondo stipendio ma al massimo un “rimborso spese” pari massimo al 25% del primo stipendio percepito dalla amministrazione di provenienza. Monti che ha dato dei “luogocomunisti” a quelli che dicono che “a pagare sono sempre i soliti“.

Belle parole, ma poi… “fatta la norma, trovato lo comma”.