Dl Casa, sì della Camera. Lancio di uova contro Montecitorio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Maggio 2014 20:28 | Ultimo aggiornamento: 19 Maggio 2014 20:28
Dl Casa, sì della Camera. Lancio di uova contro Montecitorio

(Foto Ansa)

ROMA – Decreto legge Casa, la Camera ha detto sì alla fiducia posta dal governo Renzi, l’undicesima di questo esecutivo. I voti a favore sono stati 324, i contrari 110. A votare sì sono stati i partiti della maggioranza, ad esprimersi contro M5s, Lega Nord, Sel e Forza Italia. Il voto finale sul provvedimento è previsto per martedì 20 maggio. Intanto lunedì pomeriggio ci sono stati lanci di uova contro il palazzo di Montecitorio da parte dei manifestanti del movimento per il diritto all’abitare che protestano contro l’approvazione del piano Casa.

Tra le misure previste dal decreto approvato alla Camera ci sono nuovi stanziamenti per il sostegno agli affitti e per il fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli, un’aliquota ridotta dal 15% al 10% della “cedolare secca” sui contratti a canone concordato dei Comuni ad alta densità abitativa per i prossimi quattro anni (fino al 2017), un programma di recupero e di razionalizzazione delle case di edilizia residenziale pubblica e misure per gli alloggi sociali.

In arrivo anche un giro di vite sull’occupazione abusiva, norma questa fortemente contestata dalle opposizioni e contro cui i movimenti di lotta per la casa hanno manifestato in queste settimane: chiunque occupi abusivamente un immobile non potrà chiedere la residenza e l’allacciamento ai pubblici servizi (gas, luce, acqua) e ci sarà il divieto di chiedere l’assegnazione di case popolari per i successivi cinque anni.