DL Rilancio, Coronavirus: riconoscere l’impegno di Forze armate, Polizia, Soccorso Pubblico

di Marilena D'Elia
Pubblicato il 8 Giugno 2020 20:13 | Ultimo aggiornamento: 8 Giugno 2020 20:19
gasparri-ansa

Nogarin, arriva altro grillino dalla Raggi. Gasparri: M5S lottizza gli apparati pubblici con amici (Gasparri nella foto Ansa)

Coronavirus, Gasparri: "Botteri da Pechino detta linee di politica estera a Rai e Italia"

DL Rilancio, Coronavirus: riconoscere l’impegno di Forze armate, Polizia, Soccorso Pubblico (Maurizio Gasparri nella foto Ansa)

ROMA- Nel Decreto Rilancio bisogna riconoscere l’impegno di Forze armate, Forze di Polizia e Soccorso Pubblico durante l’emergenza Coronavirus, sostiene Forza Italia attraverso le dichiarazioni del senatore Maurizio Gasparri e dell’onorevole Maria Tripodi.

Affermano infatti i due parlamentari che

“Anche nel decreto rilancio Forza Italia pone con insistenza che venga riconosciuto il lavoro svolto dalle Forze Armate, Forze di Polizia e Soccorso Pubblico nel corso dell’emergenza Covid e premiato con provvedimenti fin qui negati.

Siamo stanchi, infatti, di leggere ed ascoltare le tante parole di encomio e ringraziamento che si sprecano in occasioni come quella che abbiamo e stiamo vivendo e poi puntualmente verificare che a tutto questo non seguano fatti concreti per il personale nei provvedimenti varati dal governo.”

Per  arrivare alla realizzazione di misure concrete  a vantaggio degli operatori di sicurezza e difesa i due forzisti fanno sapere

“Abbiamo presentato una serie di emendamenti alla Camera che riguardano il comparto sicurezza-difesa e che prevedono maggiori fondi, più personale e riconoscimento per l’attività svolta.”

E’ stata messa in rilievo la situazione delle Forze Armate

“In particolare, per quanto riguarda le Forze Armate– continuano i due forzisti-  abbiamo chiesto l’equiparazione degli straordinari con quelli delle forze di polizia, così da poter colmare una incongruenza normativa che, a fronte dell’impegno chiesto ai nostri militari, non ha ragione di esistere.”

L’attenzione è stata rivolta anche al personale sanitario militare

“In un altro emendamento, prevediamo di estendere il bonus giustamente destinato al personale sanitario nazionale impegnato nell’emergenza Covid, anche al personale sanitario militare.

Un atto dovuto per sanare una dimenticanza, l’ennesima, del governo nei confronti di donne e uomini in divisa che anche in questa occasione, come in tante altre, sono stati in prima linea e meritano, per questo, il giusto riconoscimento”.

Ecco alcuni passaggi del Decreto rilancio ( DECRETO-LEGGE 19 maggio 2020, n. 34 che entra in vigore il 19/05/2020) in cui vengono menzionate le prestazioni per lavoro straordinario anche per le forze armate e per le forze di polizia.

Titolo I Salute e sicurezza

Art. 20  Misure per la funzionalità delle Forze armate – personale sanitario e delle sale operative

1. Ai fini dello svolgimento, da parte del personale medico e paramedico e delle sale operative delle Forze armate, dei maggiori compiti connessi con il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19, fino alla data di cessazione dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei ministri il 31 gennaio 2020, è autorizzata, per l’anno 2020, l’ulteriore spesa complessiva di euro 1.000.000 per il pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario. […]

Art. 22 Misure per la funzionalità delle Forze armate – Operazione “Strade sicure”

1. Al fine di garantire e sostenere la prosecuzione, da parte delle Forze armate, dello svolgimento dei maggiori compiti connessi al contenimento della diffusione del COVID-19 fino alla data di cessazione dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei ministri il 31 gennaio 2020, si dispone che: a) l’incremento delle 253 unità di personale di cui all’articolo 74, comma 01, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, è ulteriormente prorogato fino al 31 luglio 2020;

 b) l’intero contingente di cui all’articolo 74-ter, comma 1, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, è integrato di ulteriori 500 unità dalla data di effettivo impiego fino al 31 luglio 2020.

2. Allo scopo di soddisfare le esigenze di cui al comma 1, è autorizzata per l’anno 2020 l’ulteriore spesa complessiva di euro 9.404.210, di cui euro 5.154.191 per il pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario ed euro 4.250.019 per gli altri oneri connessi all’impiego del personale.

Art. 23 Ulteriori misure per la funzionalità del Ministero dell’interno, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco

 1. Al fine di adeguare le risorse necessarie al mantenimento, fino al 30 giugno 2020, del dispositivo di contenimento della diffusione del COVID-19, predisposto sulla base delle esigenze segnalate dai prefetti territorialmente competenti, è autorizzata, per l’anno 2020, l’ulteriore spesa di euro 13.045.765 per il pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario effettuate dalle Forze di polizia, nonché di euro 111.329.528 per la corresponsione dell’indennità di ordine pubblico. […]

Titolo III Misure in favore dei lavoratori Capo II Altre misure urgenti in materia di lavoro e politiche sociali

[…] Art.103 Emersione di rapporti di lavoro

1. Al fine di garantire livelli adeguati di tutela della salute individuale e collettiva in conseguenza della contingente ed eccezionale emergenza sanitaria connessa alla calamità derivante dalla diffusione del contagio da -COVID-19 e favorire l’emersione di rapporti di lavoro irregolari, i datori di lavoro italiani o cittadini di uno Stato membro dell’Unione europea, ovvero i datori di lavoro stranieri in possesso del titolo di soggiorno previsto dall’articolo 9 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni, possono presentare istanza, con le modalità di cui ai commi 4, 5, 6 e 7 , per concludere un contratto di lavoro subordinato con cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale ovvero per dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare, tuttora in corso, con cittadini italiani o cittadini stranieri.

[…] 25. Per l’attuazione delle disposizioni di cui al presente articolo è autorizzata la spesa [… di euro 24.234.834, per l’anno 2020, per prestazioni di lavoro straordinario per il personale della Polizia di Stato;[…]

Titolo VIII Misure di settore -Capo V- Misure in materia di giustizia

Art.219 Misure urgenti per il ripristino della funzionalità delle strutture dell’amministrazione della giustizia e per l’incremento delle risorse per il lavoro straordinario del personale del Corpo di polizia penitenziaria, dei dirigenti della carriera dirigenziale penitenziaria nonché dei direttori degli istituti penali per minorenni

[…]3. All’articolo 74 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, il comma 7 è sostituito dal seguente: “7. Al fine di garantire il rispetto dell’ordine e della sicurezza in ambito carcerario e far fronte alla situazione emergenziale connessa alla diffusione del COVID-19, per lo svolgimento da parte del personale del Corpo di polizia penitenziaria, dei dirigenti della carriera dirigenziale penitenziaria nonché dei direttori degli istituti penali per minorenni, di più gravosi compiti derivanti dalle misure straordinarie poste in essere per il contenimento epidemiologico, è autorizzata la spesa complessiva di euro 9.879.625 di cui euro 7.094.500 per il pagamento, anche in deroga ai limiti vigenti, delle prestazioni di lavoro straordinario,[…]