Dolores Valandro: “Mi scuso, ma la Kyenge dica ai suoi amici di rispettarci”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Giugno 2013 11:33 | Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2013 11:33

Dolores Valandro: "Mi scuso, ma la Kyenge dica ai suoi amici di rispettarci"ROMA – “Ho risposto ad un link che mi avevano inviato sulla pagina Facebook. Una reazione dettata dalla rabbia e dall’esasperazione di vedere ogni giorno tante situazioni in cui le donne subiscono violenza dagli immigrati. Ho sbagliato a scrivere la frase, in verità non penso quello che ho scritto del ministro. Chiedo scusa al ministro. Volevo solo dirle che provasse a immedesimarsi in quelle situazioni. È toccato ad una persona a me molto vicina. Però…”. La leghista Dolores Valandro il giorno dopo la bufera per il suo post su Facebook, prova a spiegarsi.

“Ma mai nessuno che se la stupri, così tanto per capire cosa può provare la vittima di questo efferato reato?????? Vergogna!”. Questa la frase sul ministro Kyenge che è costata la testa alla Valandro, poi subito espulsa dalla Lega.

Intervistata da Leggo la Valandro spiega:

“Anche il ministro Kyenge dovrebbe dire ai suoi amici di colore questa frase: dovete essere i primi a rispettare per poter essere rispettati. Io vivo ogni giorno ai piedi del Borgomagno insieme agli spacciatori. Ieri c’erano dodici romeni che gestiscono il giro della droga. E John, il nigeriano che comanda tutti, si è messo a pisciare sulla vetrina della sede. Ci ho litigato. Ma non perché ce l’ho con gli immigrati. Perché se una, due e tre volte non ci rispettano devono aspettarsi la nostra reazione…”.