Scilipoti: “Crocetta sodomita e peccatore, perché Casini e Bindi lo appoggiano?”

Pubblicato il 13 agosto 2012 11:59 | Ultimo aggiornamento: 13 agosto 2012 11:59
scilipoti

Domenico Scilipoti (LaPresse)

PALERMO – Per Domenico Scilipoti Saro Crocetta, candidato governatore della Sicilia è uno “che vive nel peccato”, è un “sodomita”. Ragione per cui allearsi con lui non si può soprattutto se si è un partito, come l’Udc, che di cattolicesimo fa da sempre professione.

La sortita estiva di Scilipoti arriva in un’intervista a KlausCondicio, il programma di Klaus Davi su Youtube. Scilipoti è un fiume in piena, mescola religione e politica, cita in modo disinvolto Paolo di Tarso, definisce Crocetta un peccatore e teorizza l’impossibilità dell’alleanza con un “sodomita”.

“È grave – dice il leader di Popolo e Territorio – che un partito come l’Udc, che si dice di ispirazione cattolica, si allei in Sicilia con un uomo come Crocetta, del quale, sia chiaro, non ho nulla da dire sul piano personale, ma che dal punto di vista cattolico teorizza e propaganda quelle pratiche che le Sacre Scritture e il Vangelo, San Paolo in primis, bollano come pratiche sodomitiche contro natura”.

Quindi la sortita contro Pierferdinando Casini che secondo Scilipoti:

“è pronto a tutto per il potere, anche ad allearsi con chi vive nel peccato come Crocetta. Se dovesse vincere non sarà un buon esempio per nessuno. Mi meraviglio anche di cattolici del Pd, della Bindi, di Rutelli dell’Api, di Fioroni che dovrebbero appoggiare Crocetta. Che vive e persevera in una condizione condannata dalla Chiesa”