Elezioni 2018, Alessia D’Alessandro (M5s) sconfitta ad Agropoli dal centrodestra

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 marzo 2018 13:34 | Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2018 13:40
Elezioni 2018, Alessia D'Alessandro (M5s) sconfitta ad Agropoli dal centrodestra

Elezioni 2018, Alessia D’Alessandro (M5s) sconfitta ad Agropoli dal centrodestra

ROMA – Alessia D’Alessandro, la super candidata M5s di Luigi Di Maio ad Agropoli, è stata sconfitta alle elezioni politiche 2018. Il colleggio di Agropoli va Marzia Ferraioli, docente di diritto candidata col centrodestra e vicina a Forza Italia. Una sconfitta per Di Maio, che aveva lanciato la D’Alessandro come “economista della Merkel“, anche se aveva lavorato nel marketing per una associazione imprenditoriale vicina alla Cdu della cancelliera tedesca.

Il Pd viene travolto anche ad Agropoli, nella provincia di Salerno, dove il suo candidato Franco Alfieri, ex sindaco noto come l’uomo delle “fritture di pesce”, ha raggiunto solo il 26.56%. Prima la candidata Ferraioli, con il 34.6%, mentre la candidata M5s si ferma al 31.83%. Almeno nel suo comune, sulle complessive 21 sezioni scrutinate, però, Alfieri risulta primo con il 41,13% di preferenze rispetto agli altri due candidati.

Se la D’Alessandro sembrava la favorita nel collegio uninominale di Agropoli per la Camera, nonostante i quotidiani indicassero come favorito il sindaco Franco Alfieri, Di Maio deve incassare il duro colpo. La sua super candidata infatti è l’unica di M5s ad aver perso un collegio uninominale in Campania e una delle pochissime che non ce l’ha fatta nel sud Italia.

Forse avrà pesato la presentazione, poi smentita, del suo curriculum. Di Maio infatti aveva lanciato la sua candidata ad Agropoli come esperta di economia, tanto da aver lavorato in ambienti politici vicini ad Angela Merkel in Germania. Nel corso di una intervista al New York Times, la stessa D’Alessandro aveva corretto il tiro: non è un’esperta, ma un’appassionata di economia, che vorrebbe diventarlo in futuro.