Elezioni 2018. M5s, la squadra di Luigi Di Maio. Gentiloni: “Scelta surreale”

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 febbraio 2018 20:11 | Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2018 23:11
Governo M5s, Luigi Di Maio fa i nomi: Tridico, Pesce, Fioramonti e Conte

Da sinistra, Giuseppe Conte, Alessandra Pesce, Luigi Di Maio, Pasquale Tridico e Lorenzo Fioramonti (Foto Ansa)

ROMA – L’ipotetico governo del Movimento 5 stelle prende forma, e i primi nomi vengono sottoposti al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Nell’esecutivo di Luigi Di Maio, in caso di vittoria M5s alle elezioni del 4 marzo, ci saranno Pasquale Tridico, economista e docente all’università di Roma tre, al Lavoro; Alessandra Pesce all’Agricoltura, di cui è stata già in passato dirigente; Giuseppe Conte, professore di diritto privato, alla Pubblica amministrazione, deburocratizzazione e meritocrazia; Lorenzo Fioramonti, professore dell’università di Pretoria, allo Sviluppo economico.

Martedì mattina il candidato premier M5S ha riunito per la prima volta la squadra dei ministri da proporre al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Al centro di questa sorta di “consiglio dei ministri” pentastellato i programmi e gli obiettivi del potenziale governo del Movimento.

Di Maio, in una intervista al Corriere della Sera, sull’ipotesi governo di scopo precisa: “Nel nostro contratto saranno indicate le cose da realizzare per il Paese e i tempi entro cui farle”. Per quanto riguarda i temi su cui proporre un accordo, il capo politico di M5s spiega che sono quelli “su cui a parole tutti dicono di volersi impegnare: ridurre le tasse, tagliare gli sprechi, dare soldi alle famiglie, alzare la pensione minima, ridurre fortemente la disoccupazione giovanile”.

LA REPLICA DI GENTILONI – Duro il commento del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni: “La posta in gioco di queste elezioni di domenica è paragonabile a una scelta di campo, dirimente: a guardare la campagna elettorale non sembra. Siamo in questo festival surreale di proposte miracolose. Per la prima volta c’è un governo ombra che si presenta prima delle elezioni. Di solito perdi le elezioni e presenti un governo ombra, qui invece lo fanno prima delle elezioni”, ha detto il candidato Pd.