Elezioni 2018 M5S: cappotto in Sicilia, Sardegna e Puglia, en plein nei collegi uninominali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 marzo 2018 10:28 | Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2018 11:49
Elezioni 2018 M5S: en plein uninominali in Sicilia, quasi cappotto in Puglia

Elezioni 2018 M5S: en plein uninominali in Sicilia, quasi cappotto in Puglia

ROMA – I dati definitivi non ci sono ancora ma non sembra che possano riservare sorprese in Sicilia, dove il M5S vincerebbe nei 28 collegi uninominali (19 alla Camera, 9 al Senato). Un risultato che assomiglia tanto al 61 a zero conquistato dal centrodestra alle politiche del 2001, quando la coalizione guidata da Berlusconi ottenne tutti i collegi della quota uninominale: 20 al Senato e 41 alla Camera.

In Puglia la vittoria del Movimento 5 Stelle è certa in quasi tutti i 24 collegi uninominali alla Camera e al Senato, anche l’ultimo in ballo, quello di Foggia (Puglia 16) alla Camera, dove Michela Di Donna del centrodestra è stato l’unico a contendere il seggio.

Complessivamente nell’uninominale alla Camera in Puglia il M5s ha ottenuto il 44,9%, il centrodestra 32,1%, il centrosinistra ha 15,9% e Leu 3,6%. Al Senato le percentuali sono analoghe (M5s 43,8%; c.destra 33,1%; c.sinistra 16.5% e Leu 3%).

Sardegna. Nelle sfide nei collegi uninominali in Sardegna il M5S ha sbaragliato la concorrenza. Per la Camera il velista Andrea Mura (primo italiano a vincere la storica regata in solitario Route du Rhum) supera l’ex governatore sardo Ugo Cappellacci di Forza Italia (eletto comunque nel proporzionale): 38,5% a 32,7%. L’allevatore Luciano Cadeddu vince contro il candidato del centrodestra a Oristano, Gianni Lampis: 42,2% contro 31,9%.

Nel collegio di Carbonia, Pino Cabras stacca di 15 punti Viviana Lantini, candidata del centrodestra (45% a 30%). A Nuoro affermazione netta di Mara Lapia: l’avvocata criminologa è a 45,1% contro il 25,8 del candidato del centrodestra, il deputato uscente Bruno Murgia (in lizza però anche nel proporzionale). Nel collegio di Sassari Mario Perantoni è al 44,1%, Maria Grazia Salaris (centrodestra) al 27,7.

Unico collegio in bilico alla Camera è quello di Olbia: due punti distanziano il candidato M5S Nardo Marino (38,8%) da Giuseppe Fasolino di Fi (36,9%). Al Senato: al nord vince Maria Vittoria Bogo (41,2%) contro Antonio Moro (centrodestra, 31,7); al centro Emiliano Fenu contro Lorenzo Palermo (43,3 a 29,3%); al sud Giovanni Marilotti contro Chiara Basciu (41,7 a 31,5).