Politica Italia

Elezioni anticipate subito: Renzi vuol far fruttare il “suo” 40% di Sì

Elezioni anticipate subito: Renzi vuol far fruttare il "suo" 40% di Sì

Elezioni anticipate subito: Renzi vuol far fruttare il “suo” 40% di Sì

ROMA – Elezioni anticipate subito: Renzi vuol far fruttare il “suo” 40% di Sì. Per ora siamo alle “dimissioni congelate”, per cui il Governo Renzi è precettato almeno fino alla rapida approvazione della legge di bilancio, la “scadenza” non aggirabile imposta dal Presidente della Repubblica Mattarella. Ma, sbollite delusione e voglia di fuga (“me ne vado sei mesi negli Usa”, avrebbe minacciato Renzi in un momento di sconforto) il grande sconfitto medita un piano per trasformare la debacle in riscossa: elezioni anticipate il prima possibile.

A gennaio, o febbraio, lasciando aperta l’ultima finestra utile, con l’Italicum rivisto ed emendato dall’imminente sentenza della Corte Costituzionale per la Camera, e il proporzionale con sbarramento al Senato (il cosiddetto Consultellum). Bisogna partire da una cifra chiave: quel 40% dei Sì che ha sancito la sconfitta referendaria e che però è da intestare tutto al Pd e in special modo a Renzi.

Un capitale politico da valorizzare subito, senza perder tempo in inutili governi tecnici o di scopo che avrebbero il solo effetto di prosciugarlo quel patrimonio in voti: “Non lascio la bandiera del voto anticipato a Grillo e agli altri – le parole di Renzi, secondo la Repubblica – Se lo facciamo il Pd è morto, fa la fine che ha fatto dopo aver appoggiato il governo Monti”. Il cronista politico de La Stampa, Fabio Martini restituisce le parole che Renzi ha pronunciato davanti a un capannello di ministri.

“Per come si è svolta la campagna referendaria e poi il voto, io credo che quel 40% “appartenga” tutto al Pd. Il Sì ha ottenuto più di 13 milioni di voti e quindi circa 2 milioni in più rispetto a quelli ottenuti alle Europee. Per questo vi dico che a noi potrebbe convenire puntare ad elezioni anticipate, da fare il prima possibile. Con quale governo? Con questo!”. (La Stampa)

Si tratta di un piano ambizioso e gravato da tante, troppe incognite: primo, allontanare la prospettiva congressuale all’interno del Pd che allungherebbe i tempi, quindi assicurarsi l’appoggio o la non belligeranza delle correnti più forti, una per tutte quella centrista di Dario Franceschini che si è già candidato per guidare la transizione governativa. Ma per questo deve abbandonare l’idea (lo conferma Maria Teresa Meli sul Corriere della Sera) di lasciare anche la segreteria del Pd.

To Top