Elezioni Liguria. Lo strano caso dei due Garibaldi candidati per Pd e centrodestra

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Maggio 2015 9:24 | Ultimo aggiornamento: 29 Agosto 2019 10:58

Elezioni Liguria. Lo strano caso dei due Garibaldi candidati per Pd e centrodestra

ROMA – Luca e Gino, due Garibaldi candidati in Liguria rispettivamente per il Pd e per Area Popolare in appoggio a Forza Italia. Il singolare caso dei due politici dal cognome più che importante è stato raccontato a Rai Radio2, dal programma “Un Giorno da Pecora”, condotto da Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro.

Allora – hanno chiesto i conduttori – avete lo stesso cognome e vi candidate nella stessa regione: siete parenti? “No, parenti no. Ma siamo dello stesso comune, il comune di Ne“. Signor Gino, lei alle primarie appoggiava la Paita, mentre oggi sostiene Toti. Ha le idee confuse? “Io ho detto che alle primarie del Pd era meglio votare la Paita che non Cofferati, perché Cofferati sarebbe stato terribile come presidente di Regione”.

Signor Luca Garibaldi: è vero che sua nonna si chiama Anita? “Si, infatti si chiama Anita Garibaldi”. Secondo voi, Garibaldi era di destra o di sinistra? Il primo a rispondere è Luca Garibaldi: “aveva la camicia rossa e ho detto tutto”. Per il collega Gino: “di rosso Garibaldi aveva solo la camicia, per il resto era un popolano”. Curioso, infine, il pantheon degli ideali di Luca Garibaldi: “dico solo due persone, Enrico Berlinguer e Alessandro Del Piero“.