Elezioni regionali Lombardia 2018, come si vota? FAC SIMILE SCHEDA ELETTORALE

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 marzo 2018 11:16 | Ultimo aggiornamento: 4 marzo 2018 11:17

ELEZIONI REGIONALI LOMBARDIA 2018, COME SI VOTA? IL FAC SIMILE DELLA SCHEDA ELETTORALE – Domenica 4 marzo, oltre alle elezioni politiche nazionali, si voterà anche per le regionali in Lombardia e nel Lazio. Il governatore uscente, Roberto Maroni della Lega, da tempo ha già deciso di non ricandidarsi per la presidenza della Regione. I candidati sono:

Attilio Fontana per il centrodestra, Giorgio Gori per il centrosinistra, Dario Violi (M5s), Onorio Rosati (Liberi e uguali), Massimo Gatti (Sinistra per la Lombardia), Giulio Arrighini (Grande Nord) e Angela De Rosa (Casapound). Mentre sono 1556 i candidati che concorrono per i 78 seggi di consigliere regionale (due seggi andranno al presidente eletto e a quello che prenderà più voti tra i candidati alla presidenza perdenti).

Quando si vota? Si vota domenica 4 marzo, dalle 7 alle 23. Come si vota? Per poter votare, gli elettori dovranno presentarsi al seggio di riferimento muniti di tessera elettorale e documento di riconoscimento valido.
Il Consiglio regionale e il Presidente della Regione sono eletti contestualmente, a suffragio universale e diretto, con voto personale, eguale, libero e segreto, attribuito a liste provinciali concorrenti ed a coalizioni regionali concorrenti, formate da uno o più gruppi di liste provinciali, ognuna collegata con un candidato alla carica di Presidente della Regione.

È proclamato eletto Presidente della Regione il candidato che ha conseguito il maggior numero di voti validi in ambito regionale. È eletto alla carica di consigliere il candidato alla carica di Presidente della Regione che ha conseguito un numero di voti validi immediatamente inferiore a quello del candidato proclamato eletto Presidente.

La votazione per l’elezione del presidente della Regione e del Consiglio avviene su un’unica scheda. L’elettore ha diverse opzioni:

  • votare solo il candidato-presidente;
  • votare il candidato-presidente e una delle liste collegate, apponendo una X sul simbolo della lista;
  • votare il candidato-presidente e una lista a lui non collegata (il cosiddetto “voto disgiunto”);
  • votare solo la lista, sapendo che in tal caso la sua preferenza va automaticamente anche al candidato-presidente collegato.

Sulla scheda elettorale i cittadini lombardi possono esprimere due preferenze per un uomo e una donna della stessa lista. Se non viene rispettata la regola di genere, la seconda preferenza viene cancellata.

Il Fac Simile delle elezioni regionali in Lombardia

Il Fac Simile delle elezioni regionali in Lombardia