Regionali, sondaggi: in bilico Piemonte, Liguria, Lazio e Campania

Pubblicato il 12 Marzo 2010 9:13 | Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2010 9:13

Sono 4 le Regioni in bilico in vista della tornata elettorale di fine marzo. Secondo i sondaggi delle ultime settimane, il risultato appare incerto in Piemonte, Liguria, Lazio e Campania. Sempre in base agli ultimi rilevamenti, il centrodestra dovrebbe aggiudicarsi certamente 3 regioni: Lombardia, Veneto e Calabria. Al centrosinistra ne andrebbero invece 6: Toscana, Emilia-Romagna, Marche, Umbria, Puglia e Basilicata.

Molti elettori decideranno probabilmente all’ultimo chi votare. Mediamente il 19% deciderà non sa ancora a chi darà la propria preferenza. Il 18% degli intervistati ha detto di avere intenzione di astenersi. Già nelle europee del 2009, il 13% dei votanti aveva fatto la propria scelta l’ultimo giorno e un altro 13% aveva deciso nel corso dell’ultima settimana prima del voto.

Per quanto riguarda le regioni in bilico, Lazio e Campania fanno registrare nei sondaggi continui sorpassi tra i candidati rivali. Nel Lazio Emma Bonino (centrosinistra) sembra ora in vantaggio su Renata Polverini (centrodestra): le indicazioni iniziali erano invece di segno opposto. Probabilmente in questo caso la Polverini paga lo scotto per il “pasticcio” che ha portato all’esclusione della lista del Pdl a Roma e provincia. Il 17% degli elettori ha detto di aver cambiato l’orientamento di voto proprio in seguito a questo episodio.

Anche in Campania il candidato di centrodestra Stefano Caldoro era dato vincente fino a poche settimane fa. Ma il suo avversario Vincenzo De Luca ha recuperato terreno e secondo alcuni sondaggi sarebbe addirittura in testa.

In Piemonte e Liguria i candidati di centrosinistra sono in leggero vantaggio, ma con uno scarto minimo: in Piemonte Mercedes Bresso stacca di un punto percentuale il leghista Roberto Cota. In Liguria il governatore uscente Claudio Burlando è davanti di due punti rispetto a Sandro Biasotti.

Per quanto riguarda le preferenze destinate ai partiti, il “grande vincitore” secondo i sondaggi sarà la Lega Nord, mentre a perdere più voti di tutti dovrebbe essere il Pdl. Il Pd è in leggera risalita.