Elisabetta Trenta e l’alloggio al marito: Procura militare apre un fascicolo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Novembre 2019 17:04 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2019 18:49
Elisabetta Trenta, ex ministro della Difesa: aperto fascicolo dalla Procura militare

L’ex ministro della Difesa Elisabetta Trenta (Foto archivio ANSA)

ROMA – L’ex ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, ha tenuto l’alloggio militare che è stato riassegnato al marito, un ufficiale superiore delle Forze Armate. La Procura militare ora ha aperto un fascicolo d’indagine per accertare eventuali profili di sua competenza in relazione alla vicenda. “Un atto dovuto”, per il procuratore, che ha spiegato che al momento “non ci sono né indagati né ipotesi di reato”.

Il fascicolo aperto dalla procura militare è a “modello 45”, che è il registro degli atti che non costituiscono notizia reato. Il procuratore ha spiegato: “Faremo tutti gli accertamenti del caso per sgomberare ogni dubbio, anche da un punto di vista amministrativo”. Al momento si tratta di una indagine, ha ribadito, “di puro carattere conoscitivo”.

Trenta, eletta col M5s, non ha intenzione di lasciare ma i suoi compagni di movimento la attaccano. Manlio Di Stefano, sottosegretario agli Affari Esteri ed esponente del M5S, alla trasmissione Un Giorno da Pecora in onda su Rai Radio1 dice: “La vicenda dell’abitazione del Ministro Trenta? Penso che la doveva abbandonare già da tempo, un movimento come il nostro non può tollerare una cosa del genere. La Trenta deve certamente andar via subito, se poi il marito ha diritto ad un alloggio fa la richiesta e si mette in lista d’attesa”.

Il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, ha commentato: “La Procura Militare dà un segno della sua esistenza annunciando di occuparsi del caso Trenta. Siamo garantisti e attendiamo gli sviluppi. Però, sotto il profilo della opportunità, gli errori della Trenta sono clamorosi e quindi ci attendiamo uno sgombero immediato dell’alloggio. O lo farà lei o saranno i tanti senza casa a sollecitarlo con la loro presenza”.

E aggiunge: “Voglio anche segnalare che sulla pagina Amministrazione Trasparente del Ministero della Difesa, si segnala una ultima modifica allo status dell’ex Ministro intervenuta in data 18 novembre 2019, cioè oggi. Cosa ha cambiato in fretta e furia l’ex Ministro Trenta? C’era qualcosa da nascondere o da aggiungere? Perché non lo dice pubblicamente? Le piacciono le case grandi, noi invece preferiamo le verità grandi. Questa vicenda ricopre di ulteriore vergogna tutti i grillini d’Italia. Per noi non è una sorpresa, per l’Italia deve essere una presa d’atto di chi sia questa gente”.  (Fonte ANSA)