Media

Eolico, Palamara: “Fuori dalla magistratura chi getta fango coi suoi comportamenti”

Luca Palamara

Espulsione per coloro che, con le loro frequentazioni, gettano discredito nei confronti dell’ordine giudiziario. E’ quanto propone il capo dell’Associazione Nazionale Magistrati, Luca Palamara, intervistato da La Stampa. Palamara condivide la posizione espressa dal Presidente Napolitano sulla competenza al nuovo Csm per l’inchiesta sulla P3 e, annunciando una riunione d’urgenza della Commissione deontologica il prossimo 23 luglio, auspica un reale rinnovamento nella magistratura.

”Dobbiamo concretamente dare dei segnali di discontinuità – afferma – da questi comportamenti”. Quanto alle dinamiche di elezione interne alla categoria, Palamara promuove la legge Castelli che spinge sul merito. ”Non deve piu’ prevalere la logica dello scambio – aggiunge il presidente dell’Anm- se un cinquantenne lo merita, può essere nominato anche procuratore della Repubblica di Roma”.

Infine, il leader dell’Anm ribadisce, riferendosi al capo degli ispettori di via Arenula Arcibaldo Miller, che chi con le sue frequentazioni getta discredito, va allontanato. ”Chi riveste tale carica – conclude – non puo’ avere frequentazioni politiche che hanno come oggetto addirittura una sua eventuale candidatura politico-amministrativa. Il ministro della Giustizia deve valutare e agire di conseguenza”.

To Top