Conselve (Padova), cena col bisnipote del Duce per parlare di Fascismo. Il ristorante disdice

di Daniela Lauria
Pubblicato il 10 aprile 2019 11:54 | Ultimo aggiornamento: 10 aprile 2019 11:57
Conselve (Padova), cena col bisnipote del Duce per parlare di Fascismo. Il ristorante disdice

Conselve (Padova), cena col bisnipote del Duce per parlare di Fascismo. Il ristorante disdice

PADOVA – Cena col bisnipote del Duce per parlare di “dottrina del fascismo“. Così recitava la locandina pubblicitaria di un evento organizzato da Fratelli d’Italia a Conselve (Padova), con ospite d’onore Caio Giulio Cesare Mussolini, candidato alle Europee per il partito di Giorgia Meloni. Ma i titolari del ristorante, professandosi apolitici, hanno bloccato tutto.

La vicenda, come riportano diversi quotidiani locali, vede i proprietari del locale ignari, in un primo momento, di come si sarebbe dovuta svolgere la serata ma che, una volta conosciuto contenuto ed ospiti, hanno deciso “a loro danno” dicono e perché “apolitici” di disdire la prenotazione.

Nelle intenzioni degli organizzatori, che si sono mossi anche in vista delle elezioni europee, un posto a tavola sarebbe stato riservato anche al leader del Veneto Fronte Skinheads. L’evento prevedeva, tra l’altro, la presentazione del saggio datato 1932, scritto a due mani da Benito Mussolini e Giovanni Gentile, e ristampato di recente.

Nel momento in cui nella cittadina hanno cominciato a girare le locandine i ristoratori, scoperto l’argomento del libro, chi lo organizzava, la presenza di Caio Giulio Cesare Mussolini e le polemiche in piazza hanno quindi preferito fare un passo indietro. (fonte: Ansa)