Europee 2019: i candidati, tutte le new entry e le vecchie conoscenze

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 aprile 2019 10:26 | Ultimo aggiornamento: 9 aprile 2019 12:04
Europee 2019: i candidati, tutte le new entry e le vecchie conoscenze

Europee 2019: i candidati, tutte le new entry e le vecchie conoscenze

ROMA – New entry e vecchi nomi, ma anche donne e leader di peso. Entra nel vivo la corsa verso le elezioni europee 2019 del 26 maggio e i partiti iniziano a scoprire le carte. Dal M5S al Pd – che schiera tra i pezzi da 90 Franco Roberti, ex procuratore nazionale antimafia – passando per Forza Italia e Lega, sono tanti i nomi che si contenderanno un posto in Europa.

M5S – A partire dal Movimento 5 Stelle, che come annunciato da Luigi Di Maio, schiererà 5 capilista donne scegliendole tra le “eccellenze nel mondo della scienza, dell’università e dell’imprenditoria”. Questi 5 profili, selezionati dal capo politico, saranno sottoposti al voto degli iscritti sulla piattaforma Rousseau per la conferma. Il terzo turno delle europarlamentarie dovrà in buona sostanza stabilire la posizione in lista dei 76 candidati che hanno passato la seconda votazione online.

Fanno parte di questi, tutti e undici gli europarlamentari uscenti: il record di preferenze (oltre 4mila voti) è del vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo, classificatosi davanti al sindaco di Livorno Filippo Nogarin nella circoscrizione Italia Centrale. Eleonora Evi ha ottenuto il più alto numero di preferenze nel Nord Ovest, Laura Ferrara è prima per numero di voti al Sud, mentre Ignazio Corrao è risultato il più votato nelle Isole.

Viviana Dal Cin – prima tra i non eletti nella sua circoscrizione alle politiche – è in cima alla lista del Nord Est per numero di voti ottenuti. Per quanto riguarda le Isole, figurano nella squadra dei candidati, tra gli altri, anche l’ex Iena Dino Giarrusso, la siracusana Flavia Di Pietro – ex collaboratrice parlamentare -, e l’avvocato cassazionista catanese Matilde Montaudo. Ma ci sono anche: Donato Forcillo (nato a Sassari ma vive a Roma, dove si occupo di Energy Management e Blockchain per una società internazionale operante nel settore dell’energia), Antonio Brunetto, Antonella Corrado e Anna Sulis.

Tra i candidati in lizza per la circoscrizione Italia Meridionale troviamo gli europarlamentari uscenti Piernicola Pedicini, Isabella Adinolfi e Rosa D’Amato. Spiccano nella circoscrizione Italia Centrale i profili di altri due eurodeputati, Dario Tamburrano e Laura Agea, e di Tiziana Alterio (giornalista professionista con un passato lavorativo in Rai e Mediaset).

Fa parte della compagine dei candidati nel Nord Est anche Nadia Piseddu – già candidata nel 2017 alla consultazione su Rousseau per la scelta del candidato premier, vinta da Di Maio -, mentre nel Nord Ovest correranno, tra gli altri profili, l’avvocato e consigliere uscente a Ventimiglia Silvia Malivindi e l’ex consigliere regionale lombardo Eugenio Casalino.

LEGA – La scadenza per le candidature si avvicina anche per le liste della Lega, che è ancora “in alto mare”. A via Bellerio si chiuderà solo al fotofinish, dopo aver ‘scremato’ le tante candidature al vaglio. Tra i pochi nomi che sono quasi certi di spuntarla, per ora, si fanno quello del prof euroscettico, Antonio Maria Rinaldi, volto noto televisivo e quello della ex Fi Silvia Sardone. Mentre, tra gli interni del partito, ci saranno i big salviniani Alessandro Panza, responsabile organizzativo del Carroccio, Marco Zanni, neo-responsabile Esteri e Paolo Borchia, coordinatore federale di ‘Lega nel Mondo’.

Gira con insistenza anche il nome di un’ex parlamentare di peso come Anna Cinzia Bonfrisco, in passato in Forza Italia e poi con i conservatori di Fitto. Confermato, ovviamente, Salvini che sarà capolista in tutte le circoscrizioni. Dicono che a Via Bellerio non si erano mai visti tanti curricula in formato europeo. Perché alla Lega il voto per Bruxelles, finora, non aveva acceso i cuori del Carroccio, più interessati ai confini padani che non a quelli europei.

Ma vuoi perché Salvini ci tiene, vuoi per la svolta del partito nazionale e di governo, il Capitano ha centinaia di nomi sul tavolo da valutare. “Solo settanta le candidature arrivate dalla Lombardia”, rivelano fonti ben informate. Con Salvini la ‘selezione’ la fanno Giancarlo Giorgetti, suo braccio destro e il ministro Lorenzo Fontana, già a Bruxelles per anni, dove conosce tutti. In totale saranno 73 i parlamentari italiani a Bruxelles. La Lega, nelle cinque circoscrizioni elettorali metterà in lista per il nordovest 20-22 nomi, mentre a nordest come nell’Italia centrale saranno tra i 14 e i 16, mentre nel meridione 16-18 e nelle isole, infine, 8-9.

Ma da ogni regione sono tanti i candidati prescelti. Solo dalla Campania sono un ventina i nomi da presentare a Salvini, a quanto si apprende equamente ripartiti tra tesserati della Lega (“ma prima delle scorse politiche”, assicura un deputato leghista del sud), imprenditori e società civile. Idem per la Calabria. E per la Puglia, regione in cui si fa il nome di Andrea Caroppo, segretario regionale della Lega-Salvini Premier. Nella circoscrizione nordovest in pole l’imprenditrice Gianna Gancia, ex presidente della provincia di Cuneo e Isabella Tovaglieri, vicesindaco di Busto Arsizio. In Sicilia almeno uno tra Igor Gelarda e Fabio Cantarella, plenipotenziari del Carroccio, potrebbero entrare il lista. Nell’isola dovrebbero trovare posto tante donne, a partire dalla messinese Daniela Bruno. Praticamente certo che gli attuali europarlamentari della Lega saranno di nuovo in corsa per il seggio di Bruxelles. Per Angelo Ciocca, Danilo Lancini, Mara Bizzotto, Giancarlo Scottà e Mario Borghezio si va verso la riconferma in lista. Ma, ad oggi, nessuna comunicazione ufficiale è ancora arrivata a nessuno di loro “perché si vuole fare una valutazione complessiva e non si escludono sorprese dell’ultima ora”.

PD – Anche al Nazareno sono ore frenetiche per comporre il puzzle delle liste alle europee. Nicola Zingaretti stringe e già giovedì, a quanto si apprende, ci sarà la Direzione Pd per votare i candidati per il 26 maggio. Il capolista al Sud sarà l’ex-procuratore antimafia, Franco Roberti, che andrà ad affiancare Giuliano Pisapia al Nord Ovest, Carlo Calenda al Nord Est, Simona Bonafè al Centro e Caterina Chinnici nelle Isole. Liberal come Calenda, la sinistra di Pisapia, la renziana della prima ora Bonafè, il magistrato e testimonial con don Luigi Ciotti di diverse iniziative contro la mafia. Vanno componendosi le liste ‘aperte’ di Zingaretti. Oltre alla società civile con il Pd ci sono Siamo Europei, i cattolici di Demos, i socialisti di Nencini e anche Mdp con cui è ancora aperto il confronto sui nomi di candidati.

Molti sono gli europarlamentari uscenti che tentano il bis pur giocando in condizioni meno favorevoli del boom con Matteo Renzi. Se il Pd dovesse ottenere attorno al 20% porterebbe a Strasburgo circa 18 deputati contro i 31 del 2014. Hanno fatto sapere che non intendono ricandidarsi Goffredo Bettini, Silvia Costa, Paolo De Castro. In forse Alessia Mosca, Elena Gentile, Enrico Gasbarra.

FORZA ITALIA – Silvio Berlusconi a Bruxelles ci vuole andare per restare. Lo ha detto a più riprese che, forte della rete di contatti a livello internazionale, vuole lavorare attivamente per una politica estera e di difesa comune, per una “sovranità europea” rispetto ai giganti mondiali, Cina in primis. In questo senso, la candidatura del fondatore di Fi in tutte le circoscrizioni -tranne quella di Centro, riservata ad Antonio Tajani- darebbe il senso di una scommessa a tutto tondo oltreché della rivincita dopo gli anni dell’esclusione per via della legge Severino.

Al di là dei proclami, però, ci sono anche le candidature di coloro che lo accompagneranno in questa ‘mission’. A metà della settimana prossima scade il termine per la presentazione dei candidati. Di sicuro c’è che i dieci eurodeputati uscenti saranno tutti confermati in lista: Salvatore Cicu, Alberto Cirio, Lara Comi, Elisabetta Gardini, Innocenzo Leontini, Fulvio Martusciello, Barbara Matera, Aldo Patriciello, Massimiliano Salini e, appunto, Antonio Tajani capolista al Centro.

Ma i già eletti non saranno gli unici chiamati, ovviamente. E in lista troverà posto adeguato Lorenzo Cesa, segretario dell’Udc, che correrà probabilmente nella circoscrizione Sud, dove si fa il nome di un’altra vecchia conoscenza della politica e di Forza Italia, l’ex ministro e presidente della Regione Campania Stefano Caldoro. Intanto, domenica, proprio a Bruxelles, alle 18 e 30 in Rue Royale, Tajani con l’intera delegazione azzurra all’Europarlamento presenterà “L’Italia e l’Europa che vogliamo”, con il programma elettorale in vista del voto del 26 maggio. (fonte AdnKronos)