Europee, mea culpa di M5s dopo fallimento. Di Maio: “Complimenti a Lega e Pd”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 maggio 2019 15:17 | Ultimo aggiornamento: 27 maggio 2019 15:17
M5s, fallimento elezioni europee 2019. Di Maio fa mea cullpa

Europee, mea culpa di M5s dopo fallimento. Di Maio: “Complimenti a Lega e Pd”

ROMA – Fallimento. Questa la parola con cui M5s descrive il proprio risultato alle elezioni europee 2019. Luigi Di Maio, vicepremier e Leader, dice: “Abbiamo preso una bella lezione, complimenti alla Lega e al Pd”. Un mea culpa senza precedenti da parte dei parlamentari M5s, che hanno incassato il colpo e si dicono pronti a ricominciare.

Se da un lato la Lega di Matteo Salvini si attesta come primo partito in Italia, seguito dal Pd in rimonta guidato da Nicola Zingaretti, M5s perde e molto. Di Maio ha dichiarato: “Ringrazio i 4,5 milioni che hanno votato il M5S e ringrazio anche chi non ci ha votato perché dal loro comportamento noi impariamo e prendiamo una bella lezione. Faccio i complimenti alla Lega e al Pd e a tutti i partiti che hanno avuto un incremento”.

Anche Stefano Buffagni, sottosegretario M5s, su Facebook scrive un post indirizzandolo al figlio Gabriele: “L’esperienza ha poco da insegnare se non viene vissuta con umiltà. Perché si impara dal fallimento, non dal successo. Dagli errori si impara, si corregge, si riparte senza paura, con umiltà e voglia di fare le cose per il bene del Paese. L’ascolto, la forza di cambiare, di allargare, di far partecipare e di saper davvero premiare la competenza e la meritocrazia sono aspetti fondamentali che non si possono mettere in secondo piano”.

5 x 1000

Il prossimo passo, dice Luigi Di Maio in conferenza stampa al Ministero dello Sviluppo Economico, è sentire il premier Giuseppe Conte: “Oggi ho sentito Giuseppe Conte e gli ho chiesto di convocare il prima possibile un vertice di governo, dobbiamo lavorare alle promesse che abbiamo fatto agli italiani”.