Fabrizio Palermo, chi è il nuovo ad di Cassa depositi e prestiti, analista finanziario ex Fincantieri

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 luglio 2018 16:11 | Ultimo aggiornamento: 20 luglio 2018 16:11
Fabrizio Palermo, chi è il nuovo ad di Cassa depositi e prestiti, analista finanziario ex Fincantieri

Fabrizio Palermo, chi è il nuovo ad di Cassa depositi e prestiti, analista finanziario ex Fincantieri (Foto Ansa)

ROMA – Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato della Cassa depositi e prestiti, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] il motore finanziario su cui si intende far leva per realizzare molte delle politiche economiche del Governo.

Palermo è un interno, attuale direttore finanziario dell’ex Cassa, dove ha fatto ingresso nel 2014. Per la sua nomina si sarebbe speso in particolare il Movimento 5 Stelle.

Palermo è nato a Perugia nel 1971 e si è laureato cum laude in Economia e commercio presso l’Università La Sapienza di Roma nel 1994. Nel 2016 diventa consigliere di Fincantieri ed è stato presente nei consigli di amministrazione di Fincantieri USA, di Vard Group e di Vard Holdings, società quotata alla Borsa di Singapore per la quale è stato anche membro del comitato remunerazioni.

Ha iniziato il suo percorso professionale a Londra come financial analyst nella divisione Investment banking di Morgan Stanley, dove si è occupato di operazioni di collocamento azionario e obbligazionario, di acquisizioni, di dismissione, di fusione e di creazione di joint ventures per i principali gruppi finanziari ed industriali italiani ed europei.

Dal 1998 al 2005 ha poi lavorato come consulente strategico in McKinsey, specializzandosi in operazioni di risanamento, trasformazione e rilancio per grandi gruppi industriali e finanziari italiani ed europei, spaziando dal settore bancario e assicurativo alle telecomunicazioni, dalle utilities alla meccanica e all’elettronica, fino ai servizi postali.

Approdato in Fincantieri in qualità di direttore business development e corporate finance a riporto dell’amministratore delegato, svolgendo sin dal suo ingresso un ruolo chiave nel percorso di riorganizzazione e turn around dell’azienda (nelle fasi di espansione – anche mediante importanti acquisizioni cross-border, riorganizzazione post crisi ed infine quotazione) trasformando così il gruppo nel leader occidentale del settore per dimensione e diversificazione di prodotto.

È stato quindi vice direttore generale di Fincantieri dal 2011 al 2014 oltre che chief financial officer dal 2006 al 2014. Nell’ottobre 2014 è entrato in Cassa depositi e prestiti come responsabile finanziario e dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili del gruppo.