Fazio-Saviano, Avvenire: “Fate parlare chi difende la vita”

Pubblicato il 27 Novembre 2010 16:33 | Ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2010 17:11

”Fateli parlare”. Con questo titolo, in prima pagina, Avvenire torna a difendere le organizzazioni pro-vita contro il ‘no’ pronunciato da Fabio Fazio sulla possibilita’ di ospitarle nella trasmissione ”Vieni via con me”.

”Fazio – si legge ancora in prima pagina sul giornale dei vescovi italiani – dice ancora no e invita altrove Casini che non sta al gioco”. L’intera rubrica delle lettere e’ dedicata a questo tema. ”Ieri sera – risponde il direttore Marco Tarquinio – Fazio ha speso molte parole per dire di nuovo ‘no’ ai malati e alle loro famiglie. E ha spiegato che ‘alle storie (dei coniugi Welby e di Beppino Englaro) non si replica con opinioni’. Infatti. Noi di Avvenire non abbiamo chiesto, raccogliendo le voci negate dei malati e delle loro famiglie di ‘replicare’ con ‘opinioni’, ma di far parlare altre storie. Storie di malattia, di lotta, e di vita non suggellate da una richiesta di morte procurata. Quelle che Fazio, anche a nome di Saviano, continua a non considerare degne della sua narrazione televisiva di successo. Nel nome, dice, della ‘liberta’ autorale’. Ma quale liberta’ e’ quella che giudica ‘inaccettabile’ la verita’?”, si chiede il direttore del giornale della Cei Avvenire dedica due pagine interne a questo tema proponendo, tra l’altro, il caso di un ragazzo in stato vegetativo e di sua madre, che dice: ”Si parla solo di chi vuole ‘staccare la spina’ ”. Un articolo dal titolo ”Fazio insiste con il suo ‘no’ ” contiene inoltre una dura critica: ”Non ci sono ordini del giorno, richieste, appelli e nemmeno sofferenze che tengano. Fabio Fazio non ha alcuna voglia di ospitare nel suo programma (e di Roberto Saviano) le famiglie che hanno scelto la vita”.