Sanità e federalismo, Corte dei Conti: “Uniformare le regole contabili delle Regioni”

Pubblicato il 5 Maggio 2010 11:51 | Ultimo aggiornamento: 5 Maggio 2010 12:29

Il presidente della Corte dei Conti, Tullio Lazzaro, illustra le difficoltà dell’attivita della Corte stessa davanti alla commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori sanitari e sulle cause dei disavanzi regionali.

“E’ vero che ogni regione ha la sua autonomia ma altra cosa sono le regole contabili che dovrebbero essere coatte. Non esistono criteri uniformi per stilare i bilanci, quindi non possono essere confrontati”, ha spiegato Lazzaro.

“Questo – ha aggiunto – è un momento essenziale per valutare questo problema, proprio perché si va verso il federalismo. Ma se non c’é una base di conoscenza affidabile si fa una scommessa un po’ così…”.

E’ una questione, ha chiarito Lazzaro, “che la Corte ha messo in evidenza più volte e sulla quale il Parlamento dovrebbe intervenire con priorità”.

“Fatta eccezione per la Liguria, che presentava lo squilibrio piu’ contenuto, e’ difficile pensare che il percorso di attuazione dei Piani di rientro dal deficit sanitario delle Regioni in ‘rosso’ possa concludersi con lo scadere del triennio”, ha concluso Lazzaro.