Femminicidio, Luigi Zanda: “Donne trattate dai media con volgarità”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 settembre 2013 20:33 | Ultimo aggiornamento: 24 settembre 2013 20:33
Femminicidio, Luigi Zanda: "Donne trattate dai media con volgarità"

Luigi Zanda (Foto Lapresse)

ROMA – Il capogruppo del Pd al Senato, Luigi Zanda, chiede più attenzione per il trattamento delle donne da parte dei media italiani. Lo fa in occasione del convegno “Convenzione di Instanbul e Media”, promosso dal vicepresidente di Palazzo Madama Valeria Fedeli al Senato.

”Oggi, in questo ampio e approfondito dibattito, abbiamo parlato della maturità civile del nostro Paese rispetto a una questione centrale che riguarda l’uguaglianza”. Zanda sottolinea ”gli elevati livelli di volgarità in cui vengono trattate le donne dai media”. E, afferma che “la responsabilità di chi informa è alta”. Tuttavia il punto, secondo Zanda, è che ”tanta volgarità nel trattare la donna è propria della società e purtroppo la società, anche se con qualche eccezione, di solito è molto omogenea”.

Il presidente dei senatori del Pd ha quindi ricordato la sua esperienza da amministratore di giornali e dei picchi di vendita di oltre il 30% in più della media che si ottenevano se, sulla copertina del settimanale, c’era una donna nuda sostenendo che è ”difficile capire di chi sia la responsabilità in questo caso”.

Zanda si è poi interrogato sui compiti della politica e, dopo aver ricordato che “il numero delle donne in Parlamento, in questa Legislatura, è il più alto di tutta la storia della Repubblica grazie al Pd che ha il 41% di elette contro il 12% del Pdl” si è domandato se le reazioni di chi fa politica “sono adeguate quando inizia il processo che determina poi la violenza. Per esempio, abbiamo sufficientemente reagito quando alla scuola italiana sono stati tolti miliardi di miliardi di euro? O quando sui giornali si faceva un gran parlare di ‘cene eleganti’?”.