Financial Times: “Roma apre le porte ai moderni barbari”. Il duo Salvini-Di Maio come i Visigoti…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 maggio 2018 13:51 | Ultimo aggiornamento: 15 maggio 2018 13:51
Financial Times: "Roma apre le porte ai moderni barbari". Il duo Salvini-Di Maio come i Visigoti...

Financial Times: “Roma apre le porte ai moderni barbari”. Il duo Salvini-Di Maio come i Visigoti…

ROMA – “Roma apre le sue porte ai moderni barbari”, dove “le proposte economiche del M5S e della Lega sono una ragione di preoccupazione”. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,Ladyblitz – Apps on Google Play] E’ quanto afferma l’editoriale di oggi del Financial Times, secondo cui “l’Italia è sul punto di far insediare il governo più non convenzionale e senza esperienza per governare una democrazia occidentale europea dal Trattato fondatore dell’Ue di Roma del 1957”.

Prima delle elezioni, scrive il Ft, “era convinzione comune nelle altre capitali Ue e sui mercati finanziari che un governo Cinque Stelle-Lega sarebbe stato il più inquietante di tutti gli esiti possibili”. E “ora, i barbari non stanno solo attraversando le porte di Roma. Sono proprio dentro alle mura della città”. Allo stesso tempo “i due partiti godono di una indiscutibile legittimità democratica” e “escludere i vincitori delle elezioni dal potere non è un passo per una democrazia matura”.

A questo punto “i partiti politici principali devono solo accusare se stessi” dopo vent’anni di stagnazione economica, argomenta il quotidiano finanziario. Detto questo, sottolinea l’editoriale, il contratto di governo Salvini-Di Maio “dà molte ragioni di preoccupazione” in quanto “i due partiti sono troppo russofili”, e “la Lega è a favore di deportazioni su larga scala di migranti illegali”.

Ma è soprattutto l’economia che inquieta, su cui gravano “i dubbi più seri”, dal reddito di cittadinanza alla flat tax sino alla modifica della legge Fornero sulle pensioni. “Il costo di queste iniziative sarebbe decine di miliardi di euro”, ma per le coperture proposte dai due partiti che si vogliono ‘nuovi’, dalla lotta all’evasione fiscale a alla vendita di asset pubblici, “colpisce quanto vecchie siano la maggior parte di queste idee”.

Già provate in passato, “non sono mai state che solo parzialmente efficaci”. Quindi “come risultato, un governo M5S-Lega potrebbe ritrovarsi in conflitto con le ortodossie fiscali di altri governi Ue e della Commissione europea”. Questa dovrebbe riconoscere che il problema dell’Italia non è il deficit ma la mancanza di riforme e e di crescita. “Queste sono aree”, conclude quindi l’editoriale del Ft, “dove l’Ue può e deve lavorare in modo costruttivo con il prossimo governo italiano, anche se questo significa assecondare la retorica iconoclasta dei 5Stelle e della Lega”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other