Fini ammonisce Berlusconi: “Rispetti la Corte Costituzionale e il Capo dello Stato”. Nuove tensioni?

Pubblicato il 8 Ottobre 2009 10:58 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2009 10:58

È durato solo poche ore il silenzio del presidente della Camera Gianfranco Fini sul pronunciamento della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimo il Lodo Alfano.

A caldo, infatti, il Fini aveva evitato, nonostante le domande dei giornalisti, ogni commento sul tema. Dopo le critiche di Berlusconi al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, però, Fini ha preso le difese del capo dello stato: «L’incontestabile diritto politico di Silvio Berlusconi di governare, conferitogli dagli elettori, e di riformare il Paese, non può fare venir meno il suo preciso dovere costituzionale di rispettare la Corte Costituzionale e il capo dello Stato».

Una dichiarazione secca che rischia di acuire nuovamente la tensione  tra il premier e la terza carica dello stato. Uno scontro che si era attenuato dopo che i due avevano avuto un colloquio, lo scorso 21 settembre, a casa di Gianni Letta.