Riforme, Fini: “Il modello francese è punto di riferimento, ma solo cambiando la legge elettorale”

Pubblicato il 8 Aprile 2010 17:00 | Ultimo aggiornamento: 8 Aprile 2010 17:27

Il presidente della Camera Gianfranco Fini, sceglie un convegno di Farefuturo per esprimere il suo parere sulle riforme. Il modello semipresidenziale francese è il preferito di Fini che però avverte: “Non si può ragionare sul modello francese presidenziale prescindendo dalla legge elettorale”.

“Anche in Italia – ha detto Fini – si avverte da tempo l’esigenza di realizzare un migliore e più funzionale equilibrio costituzionale tra ruolo del Parlamento e ruolo dell’esecutivo. Al riguardo, l’esperienza della quinta Repubblica francese continua a rappresentare, senza alcun dubbio, uno dei principali modelli di riferimento su cui si concentra il dibattito sulle riforme costituzionali”.

“Quello che dovremmo cercare di importare in Italia dal modello francese – spiega – è proprio la garanzia della vitalità, della lunga durata di un sistema che tenendo conto delle tradizioni e delle mutevoli esigenze della Francia ha saputo riconciliare da un lato la rappresentanza con l’efficienza, dall’altro il parlamentarismo con la leadership”. “Il confronto tra la nostra realtà e quella francese – secondo Fini – è proficuo solo se condotto in modo scientifico, cioè sulla base dello sviluppo storico e della realtà costituzionale dei due paesi e attraverso una seria comparazione dell’organizzazione dei poteri dello stato e degli equilibri tra essi”.

Sul tema della revisione della forma di governo, ha spiegato Fini,  “l’urgenza di affrontare delle riforme soprattutto alla luce del profondo cambiamento introdotto dal titolo V, continua a scontrarsi con una discussione pubblica viziata da una certa stanchezza culturale e da non pochi pregiudizi di carattere politico”.

++ FINI, MODELLO FRANCESE NON PRESCINDE DA L.ELETTORALE ++

(ANSA) – ROMA, 8 APR – “Non si può ragionare sul modello

francese presidenziale prescindendo dalla legge elettorale”. Lo

afferma il presidente della Camera Gianfranco Fini nel corso di

un convegno a Roma. (ANSA).”Non si può ragionare sul modello francese presidenziale prescindendo dalla legge elettorale”.