Fini e la casa a Montecarlo: Il Giornale rivela il trucco dei prestanome

Pubblicato il 4 agosto 2010 10:33 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2010 10:43

La vicenda della casa di An a Montecarlo continua a sfornare nuovi particolari e nuovi intrecci che rendono complicato stabilire la linearità dell’intero fatto. Come ogni giorno dalla settimana scora a questa parte il quotidiano di Berlusconi, Il giornale, rivela nuovi passaggi e nuovi sviluppi della residenza di Montecarlo. Ultimo capitolo la vicenda dei prestanome.

Basta fare un passo indie­tro e tornare alle carte di cui il Giornale è venu­to in possesso e che si rifan­no ai due atti u­fficiali di com­pravendita che nel 2008 han­no interessato la casa che An­na Maria Colleoni regalò a Fi­ni e ad An alla sua morte, in­sieme al resto del suo patrimonio. Occorre fare at­tenzione ai nomi, alle società off­shore , alle date, al­le circostanze no­te e meno note. Perché dietro a tutto si nasconde il vero regista di questa operazione che sembrerebbe final­izzata a na­scondere i passag­gi di proprietà dell’appartamen­to dei misteri.

Come riporta Il Giornale, l’11 luglio, nello studio mo­negasco del nota­io Paul-Louis Au­reglia, il senatore Francesco Pontone rappresentava il «venditore» An. Per l’acqui­rente Printemps, si legge nel­­l’atto, c’erano invece due persone: «Il signor Bastiaan, Anthonie Izelaar, ammini­stratore delegato della socie­tà, residente a Monaco, ave­nue des Guelfes, 4; e il signor James Walfenzao, ammini­­stratore della società, resi­dente a Monaco, avenue Sa­int Roman, 7, nelle loro quali­tà di direttori della società denominata «Jaman Di­rectors Ltd» la cui sede è al numero 10 di Manoel Street, Castries, Saint Lucia, regi­strata il 30 maggio 2008 nel registro societario di Saint Lucia al numero 2008-00393. La suddetta so­cietà Jaman Directors è a sua volta «direttrice» della socie­tà acquirente, Printemps Ltd».

Walfenzao, dunque, era lì a firmare per comprare l’appartamento. E lui stesso, affermando di non voler par­lare degli affari dei suoi clien­ti, sembra confermare di es­sere stato un mero interme­diario nella compravendita che se analizzata bene ap­pare come un gioco di scato­le cinesi.

Esaminando il se­condo rogito, quello che cer­tifica la «vendita par la società denominata Printemps Ltd». Chi c’era nello studio del notaio, Na­thalie Aureglia-Caruso, fi­glia di Paul-Louis, per firma­re il contratto? Per il vendito­re solo «Monsieur Izelaar, che agisce in nome e per con­to della società denominata Printemps Ltd, capitale di 1000 Usd, la cui sede è», co­me sempre, al solito indiriz­zo di Saint Lucia. Lo stesso, come noto, dell’acquirente, la Timara Ltd, fondata lo stes­so giorno e con lo stesso capi­tale sociale. E, per il rogito, rappresentata dalla «signo­ra Susan Elizabeth Beach, re­sidente in avenue Princesse Grace, 31 a Monaco».

Indiriz­zo da tenere a mente. Perché ritornerà presto. A pagina dieci del rogito, per esem­pio, quando il notaio scrive che «per ciò che concerne in particolare le convocazioni da effettuare dall’ammini­stratore del condominio, co­me previsto dall’articolo 11 della Legge 1329 dell’8 gen­naio 2007, così come per tut­te le comunicazioni, l’acqui­rente dichiara di fare elezio­ne di domicilio a Monaco, so­cietà Jason s.a.m., avenue Princesse Grace, 31».

Così, nel giro di tre mesi, la casa dal tesoretto che An ha ereditato dalla Colleoni fini­sce alla Timara Ltd creata nel paradiso fiscale di Santa Lucia, che a sua volta indica come indirizzo per le comu­nicazioni quello della Jason. Società anonima monega­sca che sulla sua ragione so­ciale spiega di occuparsi di Corporate management e servizi fiduciari. Nel «team» della Jason c’è Suzi Beach, ma c’è anche Tony Izelaar. Ossia, venditore e acquirente della seconda cessione della casa dove vive Giancarlo Tulliani, lavorano insieme, nella stes­sa società, a Montecarlo.

Interessante anche ciò che la Jason ha da offrire ai pro­pri clienti. Si occupa, tra l’al­tro, di costituire e gestire per conto di «(high net worth) in­dividuals» (ossia persone fi­siche, ma molto benestanti) strutture finanziarie dedica­te anche a servizi e pianifica­zione immobiliare, nonché a fornire amministratori e componenti del consiglio d’amministrazione delle so­cietà create ad hoc per l’ope­razione da compiere. Socie­tà che non devono essere per forza monegasche, anzi. La Jason s.a.m., spiega il sito web dell’azienda, può «costi­tuire società in varie giurisdi­zioni». Un servizio offerto in collaborazione con Cor­pag, un network di «Corpora­te agent». Il cui referente per Monaco è Tony Izelaar. Men­tre per Miami, in Florida, e per le Antille Olandesi è Ja­mes Walfenzao. Stessi nomi, stesse teste.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other