Per Fini scorta raddoppiata e una body guard con scudo antiproiettile

Pubblicato il 20 Settembre 2010 11:45 | Ultimo aggiornamento: 20 Settembre 2010 11:45

Gianfranco Fini

Scorta raddoppiata e sicurezza rafforzata intorno a Gianfranco Fini. Non è passato inosservato, infatti, l’uomo che seguiva il presidente della Camera durante il comizio a Mirabello, il 5 settembre scorso. Discorso molto atteso e circondato da polemiche, tra denunce di bus organizzati dal Pdl per disturbare i finiani riuniti e annunci di carichi di vuvuzelas pronte a neutralizzare eventuali contestatori. Sul palco quel giorno c’era una guardia del corpo speciale, dotata di una valigetta che conteneva una sorta di “coperta antiproiettile”, uno speciale scudo da stendere addosso al presidente della Camera in casi di attacco.

Non solo, perchè anche la scorta di Fini è stata irrobustita: due macchine di scorta e due “cerchi” di uomini intorno alla terza carica dello Stato per ogni uscita pubblica.