Flavio Tosi si candida in Veneto: sabato l’annuncio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Marzo 2015 20:32 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2015 20:32
Flavio Tosi si candida in Veneto: sabato l'annuncio

Flavio Tosi si candida in Veneto: sabato l’annuncio

VERONA – Una manifestazione che farà da palco per l’annuncio più atteso dopo settimane di polemica: la candidatura di Flavio Tosi alle regionali in Veneto. Lui, ormai fuori dalla Lega, a sfidare il candidato leghista Zaia.

Flavio Tosi farà sabato mattina l’annuncio ufficiale, la conferma arriva dall’entourage del sindaco di Verona. Tosi lo farà dal palco della manifestazione in Fiera in cui ha chiamato a raccolta i suoi ‘fedelissimi’, organizzata dalla sua Fondazione ‘Ricostruiamo il Paese’.

“Domani si inizia un nuovo percorso, abbiamo chiesto a tanti amici di essere presenti e spero che lo saranno. Posso solo dirvi che escludo l’ipotesi di ritirarmi a vita privata e non fare più politica e che domani qualcosa si porta avanti”., ha detto Tosi a ‘Rtl 102.5’. “Sono molto ottimista – ha aggiunto – perché dopo questa rottura dolorosa, il riscontro sulla mia battaglia di correttezza, dignità e coerenza, non volendosi piegare all’arroganza, è stato molto positivo”.

Sulla presenza di parlamentari del Carroccio al Tosi-day, il sindaco di Verona ha aggiunto: “Domani sono stati invitati gli amici, il che vuol dire che ci possono essere parlamentari, consiglieri regionali, comunali, sindaci, cittadini. Non ci saranno le truppe schierate, è stata fatta una cosa indistinta perché è una questione di stima reciproca”. Non si sbilancia, insomma, ma la questione non è affatto secondaria. La rottura leghista potrebbe presto trasferirsi in Parlamento e a quel punto, a seconda del numero dei fuoriusciti, al partito potrebbe mancare il numero minimo per continuare ad avere i gruppi alla Camera e al Senato.

“Poi – ha proseguito Tosi – potrebbe essere che prossimamente ci sia qualcuno che alla Camera così come al Senato non condivida la decisione scorretta sotto un profilo formale e sostanziale di Salvini di cancellare Tosi dopo 25 anni di Lega Nord e Lega Veneta. Quindi può essere che qualche parlamentare faccia questa scelta”. “Ma io – ha concluso Tosi – non sono partito per fare una divisione, non avevo messo in programma che finisse come l’ha fatta finire Matteo Salvini, non avevo organizzato le truppe”.