D’Alema: “Fini sia interlocutore del Pd. Il mio leader per il centrosinistra? Bersani”

Pubblicato il 2 Settembre 2010 17:58 | Ultimo aggiornamento: 2 Settembre 2010 20:18

Massimo D'Alema

”Fini a questo punto spieghi se stesso, deve dimostrare che non si è fatto intimidire dagli squadristi e spiegare le sue ragioni che io credo siano quelle di una destra diversa, democratica con il senso dello Stato. Fini è un uomo di destra ma siccome in nome della legalità critica Berlusconi mi interessa come interlocutore e non per fare un’alleanza insieme”. Così Massimo D’Alema spiega il senso del rapporto che il Pd deve avere con il presidente della Camera.

‘In tutti i paesi democratici, ha aggiunto D’Alema riguardo alle primarie del Pd, ci sono governi di coalizione e sono guidati dal leader del maggior partito della coalizione. Noi abbiamo deciso di mettere questo ruolo in palio con le primarie e allora io voterò per il leader del Pd”: con queste parole l’ex presidente del Consiglio, dalla festa del Pd, ha spiegato il suo sostegno a Pier Luigi Bersani in caso di primarie per la scelta del candidato premier del centrosinistra.